Flash news:   Approvato in Consiglio il Bilancio di previsione, il sindaco Spagnuolo: “abbiamo ereditato una situazione disastrosa. Siamo usciti dalla condizione di ente strutturalmente deficitari, ora è il momento degli investimenti per costruire il futuro” Provincia di Avellino: si torna al voto l’11 giugno Amministrative 2022, confronto tra i candidati a sindaco organizzato dall’associazione Cambia-Menti “Artisti in Piazzetta” fa il bis: domenica la collettiva d’arte di Laika Il cordoglio del Presidente della Repubblica Mattarella per la scomparsa di Ciriaco De Mita Scomparsa Ciriaco De Mita, il sindaco Spagnuolo: “protagonista indiscusso della politica e delle istituzioni. Oggi lo ricorderemo in Consiglio comunale” Addio all’ex premier e leader della Dc Ciriaco De Mita Amministrative 2022, campagna elettorale sui social per i tre candidati a sindaco di Atripalda Amministrative 2022, Sinistra Italiana Atripalda critica: “sulla scena politica sempre i soliti attori e attrici che hanno accompagnato il costante declino del paese” Ciclismo, Gran Fondo Nove Colli: il team ‘’Irpinia Cycling’’ partecipa alla regina delle manifestazioni sportive

25 Aprile, Caputo (Prc): “Piazze virtuali, eguali valori”

Pubblicato in data: 25/4/2020 alle ore:18:49 • Categoria: Partito della Rifondazione Comunista, Politica

Edifficile immaginare un 25 aprile, quest’anno 75^ anniversario della Liberazione dal nazifascismo, senza le piazze. Quelle piazze associate fin dall’inizio alla ritrovata libertà fino a divenirne  il simbolo. Le manifestazioni del 25 aprile non sono mai, da sempre, soltanto testimonianza e ricordo, ma esse stesse eventi politici, che spesso hanno lasciato il segno. Come dimenticare,  per fare un solo esempio, il grande corteo di 300.000 persone nel 1994 a Milano, la prima grande mobilitazione democratica dopo la vittoria di Berlusconi  nelle elezioni politiche di marzo? Milano, capitale politica della Resistenza,  sede del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, teatro dei grandi scioperi operai dell’inverno 1943, la città da cui Leo Valiani, Sandro Pertini e Luigi Longo il 24 aprile 1945 diramarono l’appello allo sciopero generale insurrezionale, lo scenario dell’ultimo atto della ventennale recita di Mussolini, Milano mostra oggi un volto dolente e dimesso, colpita, come e più di altre realtà  e territori, da un morbo implacabile al cospetto del quale si è presentata sguarnita,  a causa di scelte sconsiderate di chi ha anteposto alla sicurezza collettiva l’ideologia del privato. Quest’anno la Festadella Liberazione si celebra in forma alternativa, nelle piazze virtuali. Non viviamola però come un’ edizione in tono minore, tramutiamo questa circostanza in un’opportunità, senza mai dimenticare però che stiamo vivendo la più grave limitazione delle libertà costituzionali del dopoguerra. Lasciamoci attraversare dalle memorie  partigiane, facciamoci noi stessi messaggeri del significato della lotta resistenziale, la quale in primo luogo nasce da una scelta etico-politica, da quell’odio per l’ indifferenza caro al giovane Gramsci, quando tutto sembrava perduto; prima ancora, ha origine da una vasta e articolata opposizione al regime, individuale e collettiva, in cui risalta il ruolo del Partito Comunista, l’ unica formazione che riesce a mantenere una presenza organizzata sul territorio nazionale per l’intero ventennio. Liberazione è la storia che si trasforma, sono i popoli che riacquistano  la loro voce,  gli oppressi che si liberano delle catene. Perciò contrapporre libertà e liberazione è un’operazionepoliticamente meschina, intellettualmente disonesta.  La vera libertà è quella che si conquista, anche con il sostegno di altri, e poi si difende, come è accaduto molte volte nella storia della nostra tormentata repubblica, e come occorre fare anche oggi nei confronti di chi non più tardi di qualche mese fa chiedeva pieni poteri e che ora si compiace del fatto che altri li abbiano ottenuti in Europa. Quanti, revisionisti e populisti storiografici, proclamano il superamento della contrapposizione tra fascismo e antifascismo, dovrebbero sapere che l’antifascismo storicamente vince, in Italia e in Europa, non solo a livello militare ma anche e soprattutto politico, anche in virtù di una nuova e attualissima idea di cittadinanza, basata sulla centralità della figura del/la cittadino/a lavoratore/lavoratrice che troviamo trasfusa anche nella nostra Costituzione. Una concezione antitetica rispetto a quella, a sfondo etnico-razziale con vocazione  persecutoria e bellicista, declinata dal nazismo e dal fascismo, ma profondamente innovativa anche rispetto a quella del vecchio liberalismo, caratterizzata da una concezione atomizzata dell’individuo e dalla mancata accettazione della moderna democrazia di massa. Chioggi disconosce la Festa della Liberazione, oltre a porsi, ancora una volta, fuori del circuito democratico e del perimetro dei valori costituzionali, è questa idea di cittadinanza che implicitamente rifiuta. Se poi lo fa facendosi scudo delle vittime del virus,  vi aggiunge un supplemento di macabro opportunismo.

 

Luigi Caputo – Partito della Rifondazione Comunista –
Comitato Politico Provinciale – Federazione di Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.