alpadesa
  
Flash news:   Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Progetto “Regala Sporta”, il Prc accusa: “quando la solidarietà si riduce a carità”

Pubblicato in data: 25/12/2018 alle ore:08:54 • Categoria: Politica, Partito della Rifondazione ComunistaStampa Articolo

E’ possibile aiutare una famiglia indigente con trenta euro? Ad Atripalda sì, almeno secondo l’amministrazione Comunale. E’ questa infatti la somma destinata a quaranta nuclei familiari economicamente disagiati dalla delibera di Giunta n. 207 del 7 dicembre (progetto “Regala sporta”), sotto forma di “voucher” da utilizzare (fino al  sei gennaio; dopo, evidentemente, non si mangia più) presso alcuni supermercati cittadini nel periodo delle festività di fine anno.

Trenta euro: una mancia, una forma di carità, un’elargizione in stile borbonico. Per una famiglia media di quattro persone, fanno  sette euro e  mezzo a testa: siamo al di sotto del classico piatto di lenticchie, insomma. E’ lecito chiedersi, allora, quale perversione del pensiero o impulso sadico possano aver ispirato tale scelta, quale profondo – quantunque non dichiarato – disprezzo per le masse bisognose possa albergare nell’animo di chi l’ha concepita, al punto da trattare delle persone e dei cittadini (sì, sindaco Spagnuolo Giuseppe, PERSONE e CITTTADINI) alla stregua di fastidiosi questuanti, di postulanti appiccicosi, di plebe amorfa a cui gettare le briciole di un sontuoso banchetto allestito a beneficio di altri.

E non si risponda, di grazia, che trenta euro sono meglio di nulla, innanzi tutto perché è  un’affermazione offensiva nei confronti  dell’intelligenza  e dei drammi che i potenziali interessati vivono quotidianamente. In secondo luogo, perché un’affermazione siffatta cozza clamorosamente con una prassi amministrativa che, quando vuole e con chi vuole, sa essere generosa oltre misura, come dimostrano – per restare alla stretta attualità – i  circa diecimila euro (oltre tremila per il solo “Villaggio di Babbo Natale”) spesi per l’allestimento di una kermesse natalizia per molti aspetti fallimentare.

Se la sporta della solidarietà è vuota, in compenso il sacco della vergogna è più che mai pieno. Il guaio è chi se ne è ricoperto non ha nemmeno il livello minimo di coscienza per rendersene  conto.

Luigi Caputo

Partito della Rifondazione Comunista  Atripalda
​​​​Comitato Politico Provinciale PRC – Federazione Avellino

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 2,25 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Progetto “Regala Sporta”, il Prc accusa: “quando la solidarietà si riduce a carità””

  1. Antonio ha detto:

    Invece di criticare, perché non si fanno proposte. Questo signore a cui non sta mai bene niente ed è sempre pronto a dire la sua su ogni cosa, che ha fatto di buono o cosa ha proposto di buono per la nostra comunità. Un’ultima considerazione, ma questo signore quante persone rappresenta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *