sabato 13 luglio 2024
Flash news:   Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino L’Us Avellino ingaggia il portiere Antony Iannarilli 45enne di Atripalda acquista un motocoltivatore su internet ma è una truffa  A Mongève Giuseppe Calabrese primo italiano a tagliare il traguardo

Caso sms, Caputo del Prc: “linguaggio becero e violento del sindaco di Atripalda nei confronti della consigliera Palladino”

Pubblicato in data: 3/10/2023 alle ore:22:26 • Categoria: Partito della Rifondazione Comunista, Politica

“Esprimo piena ed incondizionata solidarietà, mia personale e a nome del Partito della Rifondazione Comunista di Atripalda, alla consigliera Nancy Palladino per i gravi attacchi subiti nel corso dell’ultima seduta di Consiglio comunale da parte del sindaco. 

Il messaggio telefonico di Paolo Spagnuolo, becero e violento, denota una mentalità autoritaria insofferente al confronto democratico, irrispettosa del ruolo delle minoranze, intollerante verso le posizioni critiche, tanto più se provenienti da donne, destinatarie, come nel caso della consigliera Palladino, del più turpe linguaggio criptofascista caratterizzato dalla sottocultura della sopraffazione. 

È vero (e noi ne siamo stati testimoni ed antagonisti al tempo stesso) che Atripalda ha conosciuto nella sua storia recente altri sindaci che si consideravano in qualche modo “proprietari” della cosa pubblica. 

Ma non si può sottacere che da quando si è insediato il gruppo di potere aggregatosi intorno alla figura dell’attuale sindaco si sia avuto un salto di qualità in negativo, in virtù del quale chi guida “pro tempore” le istituzioni lo fa privo dell’indispensabile senso del limite. 

Se questo è il viatico per Spagnuolo per il ritorno nelle file di quella destra dalla quale proviene, egli sappia che tale percorso si sta compiendo nel peggiore dei modi. 

Invece di arrampicarsi sugli specchi alla ricerche di patetiche e improbabili scuse, il sindaco ammetta le proprie responsabilità e tragga le doverose conseguenze dal proprio tracotante comportamento. 

Un bilancio politico della vicenda andrà fatto in altro momento e in altra sede.

Per ora ci sia consentito di rilevare che essa apre (ulteriori) contraddizioni in seno al PD e suscita un interrogativo: com’è possibile il persistere dell’anomalia atripaldese (la presenza di esponenti di questo partito sia nelle fila della maggioranza che dell’opposizione), quando la conflittualità interna, sia pur a causa di unilaterali responsabilità, raggiunge tali livelli di degrado”? 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *