luned� 15 aprile 2024
Flash news:   L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti La Scandone espugna Barcellona Pozzo di Gotto L’atripaldese Tonia Romano stasera in Honduras con L’Isola dei Famosi Al via i saggi archeologici a rampa San Pasquale in vista della messa in sicurezza del costone Il cardinale Ernest Simoni ad Atripalda per la conclusione del Giubileo straordinario dedicato al martirio di Sant’Ippolisto Turris–Avellino: da oggi il via alla prevendita

Caccia al cinghiale aperta, le preoccupazioni del Prc di Atripalda: “il sindaco Spagnuolo intervenga”

Pubblicato in data: 6/10/2018 alle ore:07:41 • Categoria: Partito della Rifondazione Comunista, Politica

Non può non destare forte preoccupazione la notizia dell’inclusione del territorio di Atripalda, compresa una frazione significativa del centro abitato, nell’area in cui la Regione Campania ha autorizzato la caccia al cinghiale, a partire dal 1° ottobre fino al 31 dicembre. Ciò anche alla luce degli ultimi, tragici avvenimenti: l’uccisione, domenica 30 settembre, di un giovane di 19 anni nell’Imperiese durante una battuta di caccia al cinghiale.

Nell’ambito dei rischi connessi all’attività venatoria, 30 morti e 85 feriti fra cacciatori e civili nella stagione 2017/18 secondo i dati diffusi dall’Associazione Vittime della Caccia, quest’ultima occupa infatti una collocazione peculiare sia per il numero di vittime che in genere fa registrare sia per la sua natura particolarmente “invasiva”, nel senso che tende spesso a svolgersi a ridosso dei centri abitati o all’interno degli stessi.

Chiediamo pertanto al sindaco di Atripalda di attivarsi immediatamente per contrastare questo oggettivo fattore di grave rischio per la collettività, utilizzando a tal fine tutte le prerogative che la legge gli attribuisce, tra le quali, in primis, la possibilità di adottare un’ordinanza che vieti la caccia al cinghiale sul territorio comunale. I problemi connessi alla presenza di questo animale non si affrontano certo delegandone la risoluzione ai cacciatori, i quali ne sono spesso invece all’origine, attraverso l’immissione forzata di questi suini in boschi e campagne, bensì ricorrendo a politiche di contenimento demografico (sterilizzazione o cattura degli esemplari in esubero, sistemi preferibili perché incruenti) oppure, in casi estremi, ad abbattimenti selettivi e controllati. Alcuni sindaci dell’area interessata, come quelli di Manocalzati e Candida, hanno almeno preso l’iniziativa di scrivere una lettera di protesta alla regione. Invece il sindaco di Atripalda si è chiuso finora in un ostinato mutismo. Perché? Colpevole disinteresse o consapevole inerzia per tutelare lobbies e interessi non sempre limpidi?

I cittadini di Atripalda hanno il diritto di sapere e soprattutto di ricevere risposte concrete rispetto alla loro incolumità.

Luigi Caputo Partito
Rifondazione Comunista 
Atripalda
Comitato Politico Provinciale PRC Avellino
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *