domenica 21 aprile 2024
Flash news:   Sospiro di sollievo per Tonia Romano: l’ex naufraga torna a casa Cambia la modalità di raccolta dei rifiuti ad Atripalda I vigili del fuoco recuperano un cagnolino dal letto del fiume Sabato Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino La Procura dispone gli arresti domiciliari per il sindaco dimissionario di Avellino Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out

Il centenario del Milite Ignoto nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 4/11/2021 alle ore:09:53 • Categoria: Attualità, Cultura

Il Milite Ignoto è stato tumulato all’Altare della Patria di Roma il 4 novembre 1921. Sono passati 100 anni e il sito, nel monumento Vittoriano, ha ancora un’importanza simbolica per l’Italia.

Cent’anni fa, il 4 Novembre, anniversario della vittoria della Grande Guerra, partiva da Aquileia, il feretro del soldato sconosciuto, morto sui campi del Carso.                                                                             Guerra di centinaia e centinaia di migliaia di morti, nelle trincee a difesa dal nemico austriaco. Molti lutti, in tante case con mariti, figli, parenti, amici e conoscenti mai più tornati.                                                                                                                                                                        L’Italia portava a Roma, al grande Altare della Patria, il figlio di tutti, senza un nome, ma da questo momento nel cuore e nel ricordo di un’intera Nazione.                                                                                                           Così, con questi semplici versi, ricordiamo il sacrificio doloroso che, oggi, sono il grazie ai tanti figli che hanno permesso la nascita della nuova Italia, intera con Trento e Trieste, la nostra Patria. Italia!

Ignoto militi

… da Aquileia…

brandelli d’eroi senza nome

implorati dalle bocche di tutti,

figli della Patria, immolati

alle mute campane della sorte,

del lutto, per paesi, stazioni, valli,

l’Italia riunita accoglie,

Mater dolorosa, piange

“adesso e nell’ora della morte”,

risurge al nostro ricordo,

Presente, dai ceppi marmorei

agli altari d’ogni contrada,

monumenti in piazza ai soldati

dai cognomi uguali per regione,

soli, mai più tornati, bare di foglie,

sull’amato, odiato Carso, frontiera

ara di sacrificio senza croce,

sassi, magra terra, sangue

a conservare il tesoro sommo, la vita,

eroi senza bara, Redipuglia, Oslavia,

tutti e uno, all’Altare della Patria,

mai più dimenticati, il fante,

il tenente, il carabiniere, l’artigliere,

il sergente, l’alpino, il granatiere,

tutti martiri, “il Piave, o tutti

eroi o tutti accoppati”, allo straccio

di muro spaccato del campo di battaglia,

messaggio di sacrificio e onore

per tanti e tutte le madri,

per noi tutti, Italiani!

…a Roma

 

 

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *