Flash news:   Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia Tentano di rubare in un negozio di Atripalda, denunciate due ventenni straniere per furto aggravato 25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

Amministrative 2022, Sinistra Italiana Atripalda critica: “sulla scena politica sempre i soliti attori e attrici che hanno accompagnato il costante declino del paese”

Pubblicato in data: 25/5/2022 alle ore:15:45 • Categoria: Politica, Sinistra e Libertà
È appena cominciato il mese in cui i cittadini sentiranno parlare diffusamente di argomenti che poi saranno accuratamente riposti per i prossimi cinque anni.
Si sentirà parlare di ambiente, sociale, traffico, parcheggi, Puc, Cinema, Alvanite, Fiume, Progetti per Abellinum e  Dogana e chi più ne ha più ne metta.
Qualunque cosa si dirà, alla fine della fiera, il 12 giugno si ritornerà all’ordinario tran-tran dell’amministrazione che decide in base a logiche di sopravvivenza politica dei singoli attori e attrici, nella totale indifferenza alla buona amministrazione e al rispetto degli impegni presi pubblicamente in campagna elettorale.
Il quadro politico non riesce ad uscire dall’incubo dei suoi riti peggiori. Siamo ancora fermi ai quadretti macchiettistici magistralmente tratteggiati da Totò (Vota Antonio….). 
Non c’è verso di cambiare strada. Non c’è verso di iniziare un percorso virtuoso, di scommettere su un progetto di medio–lungo termine che finalmente innovi comportamenti e uomini.
Alla fine la scena se la prendono sempre i soliti attori e attrici a cui neanche l’amor proprio consiglia di fare un passo indietro dopo decenni di presenza sulla scena politica amministrativa che ha accompagnato il costante declino del paese. 
Atripalda si è così infilata nel loop degli Spagnuolo che va avanti da tre legislature; entrambi hanno alle spalle un partito che fa delle divisioni, ormai, l’unica ragione della propria esistenza.
Anche la terza lista in campo tutto sommato rientra in questo schema, anzi lo rafforza in quanto mostra l’inconsistenza di un’alternativa agli Spagnuolo che non oppone un vero progetto ragionato, ma prova ancora a far leva sulla “pancia” della gente, secondo lo schema già tramontato della politica del “vaffa”.
Coloro che in buona fede hanno accettato da neofiti di partecipare ad una siffatta competizione elettorale, hanno, purtroppo per loro, messo in gioco la propria immagine a servizio di una politica screditata e senza futuro.
Noi abbiamo scelto di stare fuori da questo teatrino perché nessuna delle liste, come detto sin qui, nasce da un progetto condivisibile innovativo e di lungo respiro.
Non siamo i soli ad aver fatto questa scelta. 
C’è chi come noi ha resistito alle sirene (ipocrite) della necessità di “starci per cambiare dall’interno” perché ha capito che l’attuale quadro non è più riformabile dall’interno ed urge la creazione di una nuova classe dirigente. 
Seguiamo in particolare con interesse l’iniziativa di giovani atripaldesi che hanno messo in piedi già da un po’ di tempo un elaborato ed accurato percorso di iniziative politiche e culturali su valori pienamente condivisibili, aperte al confronto e alla proposta della città. 
Sono ragazzi che hanno capito che farsi omologare dividendosi tra le liste della prossima contesa elettorale, avrebbe posto fine al loro percorso virtuoso di crescita, disperdendo la loro energia innovativa.
Apprezziamo la loro scelta intelligente. Il loro percorso deve continuare per approdare ad un’esperienza di proposta futura per l’amministrazione del paese che sia innovativa, razionale e indipendente. 
Crediamo che sia questa la via giusta per costruire una nuova classe dirigente per il nostro comune.
Sinistra Italiana Atripalda
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Amministrative 2022, Sinistra Italiana Atripalda critica: “sulla scena politica sempre i soliti attori e attrici che hanno accompagnato il costante declino del paese””

  1. Claudio ha detto:

    Bene ecco chi con molta modestia pensa di avere la formula magica per risolvere il problema.
    Mi sento chiamato in causa in quanto appartenente alla lista alternativa ai due Spagnuolo e consiglierei a chi ha rilasciato questa intervista di andare a vedere quello che è il nostro programma e chi sono gli attori della lista ABC .
    Mi dite voi in quale area politica vi identificate ……la sinistra? Si ma qualr sinistra …..quella che sta costruendo una nuova classe politica da decenni e non vi riesce chissà per quale motivo
    Alla fine essere protagonisti fuori dal coro è conveniente, almeno si può criticare senza essere criticati.
    .

  2. Claudio Vecchione ha detto:

    Bene ecco chi con molta modestia pensa di avere la formula magica per risolvere il problema.
    Mi sento chiamato in causa in quanto appartenente alla lista alternativa ai due Spagnuolo e consiglierei a chi ha rilasciato questa intervista di andare a vedere quello che è il nostro programma e chi sono gli attori della lista ABC .
    Mi dite voi in quale area politica vi identificate ……la sinistra? Si ma qualr sinistra …..quella che sta costruendo una nuova classe politica da decenni e non vi riesce chissà per quale motivo
    Alla fine essere protagonisti fuori dal coro è conveniente, almeno si può criticare senza essere criticati.
    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.