Flash news:   Torna l’iniziativa “Estate in ludoteca”, voucher per 30 bambini: domande entro il 19 agosto Clima velenoso in città, la replica di Nunzia Battista (Abc): «amministrazione senza idee e progetti sulle cose importanti e urgenti da fare» Covid 19, doppio decesso al Moscati: anche una paziente di 78 anni di Atripalda Clima velenoso in città, il sindaco replica duramente all’opposizione: «I toni della maggioranza sono bassissimi, lavoriamo nell’interesse di Atripalda» Opposizione all’attacco della maggioranza: “stop ai veleni post voto” Aree giochi per bambini, conclusi i lavori del primo lotto. Il sindaco: “mi appello al senso civico di tutti” L’Alienazione dell’ex sede Asl di via Tiratore riaccende lo scontro politico in città. Renzulli (Abc): «è il fallimento di chi ci ha governato» L’Inail mette in vendita l’ex sede Asl di via Tiratore: asta il 5 ottobre al prezzo di 2 milioni e mezzo Straripamento al Ponte delle Filande, l’Amministrazione Spagnuolo: “Mai visti mezzi in azione il giorno stesso dell’esondazione”. Foto Notte di San Lorenzo al parco archeologico di Abellinum

Riapre dopo oltre un anno e mezzo in via Appia il distributore di benzina accanto all’anfiteatro romano: parla il sindaco Paolo Spagnuolo. Foto

Pubblicato in data: 26/7/2022 alle ore:11:22 • Categoria: Attualità, Cultura

«In quest’area si è conciliata benissimo l’iniziativa privata con la tutela e valorizzazione di un sito archeologico che interessa la collettività atripaldese».
A parlare è il neo sindaco Paolo Spagnuolo che, accompagnato dal vicesindaco Mimmo Landi e dal consigliere con delega alla Valorizzazione del Patrimonio dei Beni comunali, Lello Barbarisi, ha preso parte alla riapertura del distributore di carburanti in via Appia, dove oltre un anno e mezzo fa, durante i lavori di ristrutturazione emersero dal sottosuolo i resti di un anfiteatro romano.
Non nasconde il sindaco l’amarezza però: «Purtroppo siamo rammaricati, ma non è responsabilità nostra, che di questo anfiteatro sia rinvenuto soltanto una parte, anche minima che diventa a questo punto meramente simbolica perché questa è un’area dove cinquanta anni fa avremmo trovato un anfiteatro completo e non oso immaginare quanti visitatori avremmo avuto ad Atripalda. Ma allora non esisteva la sensibilità di oggi verso i beni culturali».

Intervista esclusiva con foto su Il Mattino di Avellino
 2

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.