alpadesa
  
Flash news:   Intervento straordinario al campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie e per infiltrazioni nella chiesa madre Italia Viva: il nuovo partito di Renzi anche ad Atripalda. Si lavora a portare in città l’ex premier con il nuovo anno. Foto “Aquile Randagie”, gli scout che dissero no al fascismo: giovedì confronto ad Atripalda Trasloco volante ad Atripalda, i mobili vengono lanciati direttamente giù dal balcone in via Ferrovia. Foto Incidente ieri tra un’auto e un motorino in via San Lorenzo ad Atripalda: ferito un postino A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64)

Parla il maestro Angiuoni: «Le nostre opere esposte in tutta Italia mentre ad Atripalda la Dogana resta vuota nella settimana della Cultura». Guarda la Videointervista

Pubblicato in data: 17/4/2010 alle ore:09:00 • Categoria: Cultura, Video intervisteStampa Articolo

maestro-enzo-angiuoni«Ho avvertito in maniera molto forte il diniego da parte della Soprintendenza alla richiesta di utilizzo della Dogana di piazza Umberto I per la mostra curata insieme all’associazione “ArtEuropa” di Avellino. In campo nazionale porto avanti eventi di grosso spessore, sono rammaricato ancor di più perchè si tratta di artisti con alle spalle oltre trent’anni di professionalità», ha esordito così il maestro Enzo Angiuoni durante l’intervista rilasciata nella sua casa-museo. «Una decisione che ci ha lasciato stupiti dato che le nostre opere sono esposte in tutta Italia mentre ad Atripalda la Dogana rimane vuota anche nella “settimana della Cultura”», una delusione e un rammarico che gli artisti hanno voluto comunicare anche al ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi e al ministro per l’Attuazione del programma di Governo, nostro conterraneo, Gianfranco Rotondi. Da Savona a Sorrento, da Parma a Cosenza, da Caserta a Foggia sono solo alcune delle tappe della rassegna d’arte contemporanea mitteleuropea che riunisce quaranta artisti italiani e stranieri. «Tre mesi d’attesa per poi vedere bocciato il progetto da parte della Sovrintendenza. Ma noi nel frattempo siamo andati avanti, partendo da Savona, poi a Sorrento e poi ancora al Palazzo delle Culture di Cosenza dove la collettiva è attualmente in mostra. Successivamente saremo a Genova con un progetto patrocinato dalla Regione, per chiudere infine a dicembre al Palazzo della Provincia di Bari». La volontà del maestro atripaldese è sempre stata quella di esporre le proprie creazioni, insieme a quelle della figlia Michela e dei numerosi artisti della collettiva mitteleuropea, nella propria città ma «parlano di livello basso dell’iniziativa e questa è un’offesa non solo verso gli artisti che dovevano esporre ma anche per le città che hanno accolto la nostra mostra».

Dal 23 aprile al 2 maggio il maestro Angiuoni parteciperà a “PRIMA PAGINA“, la XXIV Collettiva d’Arte Ceramica che si terrà al Palazzo Ducale di Genova.

Regia di Piersabino Nazzaro. [flv image=”https://www.atripaldanews.it/video/enzo angiuoni 16 aprile 2010.jpg”]https://www.atripaldanews.it/video/enzo angiuoni 16 aprile 2010.flv[/flv]
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *