alpadesa
  
Flash news:   L’Avellino espugna Monopoli: quarta vittoria consecutiva Fiamme alla formaggeria “Fior di bontà” di Atripalda: si segue la pista dolosa. Il giovane titolare Luca: «Non mi arrendo di certo e tra cinque o sei giorni riapriremo». Foto Nuovo Terminal Bus ad Avellino da questa mattina nel piazzale dello stadio Partenio-Lombardi “Christmas Shopping” domani in via Roma ad Atripalda: artisti di strada, Villaggio di Babbo Natale e Street food Negozio in fiamme nella notte lungo via Fiume ad Atripalda: indagano i Carabinieri Prima vittoria in Appello per il Comune di Atripalda sulle multe da autovelox installato lungo la Variante Maltempo, chiuso di nuovo ponte delle Filande Natale 2019, domani seconda Notte Bianca in piazza Umberto e via Manfredi. Foto Us Avellino, pagati gli stipendi ai tesserati Doppio appuntamento di Natale della Misericordia di Atripalda

Settima sconfitta per la Pallavolo Sidigas Atripalda, in settimana arrivano Bidegain e Gallotta

Pubblicato in data: 6/11/2011 alle ore:09:33 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

sidigas-pallavolo-atripalda2Mancò il risultato ma non il coraggio. In casa Sidigas la settima sconfitta di fila non fa male. La squadra ha reagito. La scossa dopo il cambio in panchina è arrivata. Prima del match un minuto di raccoglimento per le vittime dell’alluvione che ha messo in ginocchio Genova. L’irpinia solidale ha applaudito e incoraggiato la città a rialzarsi consapevole, per un terremoto indelebile nella memoria, di cosa voglia dire affrontare le calamità. Atripalda e Genova unite nel dolore. Pronti via con la gara e nel primo set la Sidigas vince, una gradita sorpresa. Merito di percentuali di ricezione e attacco a grani livelli. Bene tutti. Modica si affida a Libraro in regia, il numero dieci sfodera una prestazione super. Ma quando la partita nel quarto set sembra compromessa gli subentra Paris ed è un’altra scossa che pur non riuscendo a sovvertire il risultato dà motivazioni al gruppo che saranno fondamentali in futuro. La gara in avvio vede i liguri privi di Ruiz con Manassero al suo posto. Il sistema muro difesa biancoverde regala un break che Atripalda porterà fino in fondo senza remore (8-5, 16-14, 21-17). Del Federico nel secondo game ridà a Nuti la ricezione di Ruiz, mentre Meszaros e Yordanov macinano punti. Ne viene fuori una gara equilibrata, Genova accelera nei momenti topici con i suoi uomini di punta ma la Sidigas a tratti ha addirittura migliori percentuali d’attacco. Modica alla vigilia in presentazione lo aveva detto: lavorare, capire e far capire cosa dobbiamo fare, nessun titolare o riserva ma un gruppo coeso, nonostante il risultato negativo la prestazione della Sidigas capitanata da Bruno(70 percento in ricezione e 60 in attacco) ha dato del filo da torcere ai liguri. A fine gare il pubblico applaude, aspettando Bidegain…e non solo. Cosimo Gallotta è ufficialmente un giocatore di Atripalda dopo la rescissione con Reggio e la firma in calce al contratto che lo lega alla società del presidente Guerrera. Contro Cantù i nuovi acquisti e il resto del gruppo tenteranno di far iniziare davvero il campionato di Atripalda.


SIDIGAS ATRIPALDA – CARIGE GENOVA 1-3 (25-21, 22-25, 19-25, 21-25)
SIDIGAS ATRIPALDA
: Bruno 7, Coppola (L), Libraro 5, Nemeth 19, D’avanzo 5, Paris 2, Loglisci 7, Scialò 15. Non entrati De Mattia, De Paula, Cuomo, Zaccaria. All. Modica.
CARIGE GENOVA: Donati, Ruiz 12, Manassero 1, Nuti, Polidori 3, Yordanov 27, Rizzo (L), Pecorari 2, Ainsworth 4, Meszaros 17. Non entrati Nonne. All. Del Federico. ARBITRI: Parlato, Bertoletti. NOTE – durata set: 25′, 26′, 26′, 25′; tot: 102′.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *