alpadesa
  
Flash news:   Istituto Comprensivo di Atripalda, fa discutere la circolare della preside Amalia Carbone che vieta i vestiti di Carnevale all’Infanzia. I genitori si dividono sui social “Ci vuole un fiore”, incontro al Convento di San Giovanni Battista domenica su ecologia e benessere “Laganum in Arce” a Manocalzati nel castello di San Barbato Calcio, l’Abellinum vince ancora Ciclismo, l’A.S Civitas-Profumeria Lucia intensifica la preparazione in attesa del debutto Porta i cani nell’ex scuola di Rampa San Pasquale interdetta al pubblico, fermato dai Vigili Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Non bastano i rinforzi, Scandone sconfitta ancora a Corato Pari a reti bianche nel derby con la Cavese. Capuano: «Dovevamo vincerla» Il Consiglio d’Istituto del Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda elegge presidente Roberto Savarese ribaltando l’esito delle elezioni suppletive. Due genitori allontanati dai Vigili

Festa della Repubblica, la fotografia di un Paese nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 2/6/2013 alle ore:09:24 • Categoria: CulturaStampa Articolo

festa-2-giugnoIl 2 giugno si celebra la Festa della Repubblica Italiana a ricordo della nascita della Repubblica. Il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne, infatti, il referendum istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Dopo 85 anni di regno, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l’Italia diventava repubblica e i monarchi di casa Savoia venivano esiliati.
Nei versi di Gabriele De Masi, che proponiamo di seguito, la celebrazione diventa il racconto di questi giorni di grave crisi che sta vivendo il Paese.


Giugno della Repubblica

In questo mese disperato,
rantoli d’affanno …
Stella d’acciaio su ruota dentata
neanche brilli più, tuo malgrado,
d’abbraccio di rami a corona
d’olivo e quercia, gloria e tenacia,
per chi così ti volle e t’amò,
ora diafana per quanto ci manchi.
” Domani, resterò a letto, mamma,
non svegliarmi, così non penserò …”
fuoco freddo, carrello senza spesa, inganno,
non andiamo con gli eserciti, in baldoria,
ai Fori Imperiali, le chiarine, noi
nelle strade, la gente, provare
nuovi accenni di slancio, lungi da chi
ci ha sempre imbonito, il despota,
il vassallo, i ladri di sogni; vuoti
sproloqui, che non conoscono la vita,
il lavoro smarrito, la fiducia tradita.
Un Giugno di speranza. Pulito.
A rifondare la Patria!

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (9 votes, average: 4,56 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Festa della Repubblica, la fotografia di un Paese nei versi di Gabriele De Masi”

  1. Antonello ha detto:

    Nessuno meglio di mio zio riesce a spiegarci il momento difficile che stiamo attraversando. A lui bastano poche parole per incorniciare l’Italia malata.

  2. uno ha detto:

    Apprezzo, molto significativa: Povera Patria, come canta il famoso cantautore siciliano di cui in questo momento mi sfugge il nome.

  3. Nappo Carmela ha detto:

    Finalmente vedo la foto che il monumento è stato ristrutturato bene questa mattina ho visto che c’era gente perche oggi è il giorno del celebrazione della republica ciao

  4. altavilla irpina ha detto:

    Nappo carmela ma che scrivi?? vedi che la foto e’ vecchia, il monumento non e’ stato ristrutturato, e’ stato solo circondato dalle impalcature ed i lavori non sono mai iniziati, e la redazione mette foto vecchie!!!!!!!!!!!!

  5. Nappo Carmela ha detto:

    va be vuol dire che la redazione di atripaldanews deve mettere nuove foto del monumento ciao altavilla irpinia ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *