alpadesa
  
Flash news:   Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Niente fondi per la Dogana, critiche alla graduatoria regionale. Il delegato Barbarisi: “Scelta politica, chiederemo copia degli atti. Pronti a ricorrere all’autorità giudiziaria”

Pubblicato in data: 3/11/2013 alle ore:11:30 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

palazzo-dogana-2«Abbiamo l’esigenza di difendere moralmente il progetto della Dogana dei Grani presentato insieme ad un’unione di comuni anche importanti dal punto di vista storico ed archeologico e perciò faremo richiesta ufficiale di avere copie degli atti prodotti dalla commissione regionale che hanno inciso sulla classificazione e che ci auguriamo sia almeno una commissione scientificamente collaudata e non una commissione politica ed i cui atti sottoporremo ad una valutazione da parte di nostri tecnici di fiducia e se sarà il caso proporremo anche ricorso alla Procura della Repubblica». A parlare è il delegato alla Cultura e all’Istruzione della cittadina del Sabato, Raffaele Barbarisi, al quale non è andata giù l’assegnazione al progetto della Dogana dei Grani di piazza Umberto, presentato in partner con altri tre comuni, del posto 45 in graduatoria su 63 progetti ammessi. L’Amministrazione non si spiega come ma il progetto sia stato valutato così raffaele-barbarisibasso, collocando sì in una posizione idonea, ma non tra i primi che saranno realmente poi finanziati. La graduatoria approvata è stata pubblicata pochi giorni fa sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania nell’ambito del Programma Operativo Fesr (Fondo Europeo di sviluppo regionale) Campania 2007-2013. Due milioni e mezzo di euro assegnati sulla carta alla Dogana, grande attrattore che dovrebbe servire a valorizzare il Sistema museale della Valle del Sabato nato da un’intesa tra le amministrazioni comunali di Atripalda, ente capofila, Prata Principato Ultra, Pratola Serra e Tufo, che nei fatti però non arriveranno mai secondo il delegato alla Cultura. «Abbiamo ricevuto molte telefonate che ci fanno i complimenti per l’approvazione ma non sanno che le risorse disponibili, per avviso di bando, non riusciranno a scorrere fino alla nostra posizione – prosegue il delegato alla Cultura -. E’ come se fossimo idonei ma non compresi perché le risorse si esauriranno fino al quindicesimo o sedicesimo progetto in graduatoria a meno che non vi saranno degli esclusi per altre ragioni in fase negoziale. Questa è la possibilità di finanziamento visto che il bando ha a disposizione 30 milioni di euro ed ogni progetto accolto ha avuto assegnato quasi sempre 2 milioni e 500mila euro, i conti sono presto fatti. Per cui al massimo riusciranno a finanziare i primi 15 o 16 progetti».
Da qui la speranza dell’Amministrazione Spagnuolo che ci sia un rinforzo di questo fondo verso la fine dell’anno. «Ma indipendentemente da questo – incalza Barbarisi – abbiamo l’esigenza di difendere questo progetto da una graduatoria politica e non di merito».
La richiesta sarà avanzata agli uffici competenti di palazzo Santa Lucia di copia di tutti i progetti approvati dal primo al quindicesimo posto dalla commissione giudicatrice «perché vogliamo capire se effettivamente i progetti che andranno a finanziamento in che cosa hanno potuto più di noi, arrivando a prendere anche trenta punti. Vogliamo capire come nasce questa differenza. Ma intanto possiamo dire che il Comune di Atripalda è sfortunato con l’assessore regionale Sommese perché anche con lui abbiamo perso i finanziamenti quest’anno di Giullarte, che riproporremo unitamente al progetto di valorizzazione della tomba a camera di via Ferrovia. Per cui Sommese sicuramente non ci porta bene. Ma al di là della fortuna o sfortuna che può incidere o meno, riteniamo di aver allestito un progetto validissimo». Una volontà forte di difendere questa progettazione che vede la Dogana come grande attrattore al centro di un sistema museale anche multimediale della valle del Sabato. «Una rete alla quale si sarebbero potuti aggiungere anche altri comuni – conclude Barbarisi – e secondo noi meritevole di stare non al 45° posto in graduatoria ma tra i primi. Abbiamo perciò fiducia nella presidenza Caldoro che si è mostrata fin qui sempre super partes».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 risposte a “Niente fondi per la Dogana, critiche alla graduatoria regionale. Il delegato Barbarisi: “Scelta politica, chiederemo copia degli atti. Pronti a ricorrere all’autorità giudiziaria””

  1. Bosco ha detto:

    L’assessore Barbarisi prima di avventurarsi in un inutile ricorso, potrebbe, innanzitutto, farsi dare l’elenco dei comuni ammessi al contributo che sono i primi 15 su 63 ammissibili e 43 esclusi. Per quanto mi risulta, per sentito dire, siamo ben lontani dal quindicesimo. Poi chiedere quale comune della provincia è stato finanziato; inoltre alla commissione regionale i criteri usati per la graduatoria. Per chiudere, sarebbe auspicabile, l’elenco dei componenti la commissione e la loro connotazione politica. Se l’assessore riesce a dare risposte a queste domande pubblicandole su questo giornale, credo che i cittadini capiranno da soli.

  2. LUPONE70 ha detto:

    ASSESSORE?????, caro Bosco hai usato un termine poco appropriato, caso mai: MINISTRO….(il mio è un augurio)

  3. Matteo ha detto:

    Un polo turistico in una realtà, la valle del sabato, dove non ci sono i turisti. In effetti non trattandosi di Firenze, Venezia, Roma o Napoli, non si spiega per quale motivo la regione avrebbe dovuto finanziare un polo turistico nel nulla, senza i turisti. Invece di protestare al vento, Barbarisi dovrebbe evitare di fare e sostenere progetti privi di ogni logica

  4. Emilio ha detto:

    Una domanda semplicissima per l’assessore Barbarisi: crede che avremmo raggiunto lo stesso posto in graduatoria se il progetto avesse previsto la rimozione e il trasloco della TOMBA A CAMERA sita in via Tufara ?

  5. Nappo Carmela ha detto:

    alle gradatorie devono partecipare tutti e vincere tutti non solo amici dei amici ciao

  6. puffetta ha detto:

    Ma non hanno ancora capito questi amministratori che sono al capolinea.

  7. paoluccio uccio uccio ha detto:

    Barbarì ma quali carte vuoi vedere. Chi sei per fare certe richieste. Non farti sentire dal presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *