alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità

Abellinum Pride, Sinistra Italiana Atripalda: “si ricomincia da qua”

Pubblicato in data: 17/6/2019 alle ore:23:16 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e Libertà

Atripalda è plurale, aperta, civile e tollerante. E di questi tempi non è cosa da poco.

La presenza al corteo dell’Abellinum_Pride di veramente tanti atripaldesi e la simpatia e la partecipazione con cui tutti i cittadini assiepati lungo il percorso ne hanno accompagnato il suo svolgimento, hanno confermato che la nostra gente è avanti.

Siamo una realtà dell’entroterra dell’Italia meridionale. Praticamente l’accumulatore massimo di tutti i fattori di crisi della contemporaneità (disoccupazione soprattutto giovanile, spopolamento, invecchiamento, bassa qualità della vita).

Eppure a vederci insieme a quelle centinaia di giovani festanti che hanno marciato per rivendicare le proprie libertà sembrava che stessimo celebrando anche il nostro Pride: l’orgoglio di una collettività con una grande tradizione di apertura che vuole guardare al futuro.

Una presa di coscienza di cui avevamo bisogno e per la quale dobbiamo ringraziare i nostri giovani concittadini organizzatori del Pride che, con grande maturità e coraggio, per un giorno, hanno sottratto la scena al quotidiano bombardamento mediatico dei seminatori di odio, mostrando così che non esiste solo violenza verbale e intolleranza.

Grazie al Pride abbiamo invertito lo stereotipo classico che vede la società meridionale chiusa ed arretrata opporsi ad una società del nord aperta ed avanzata.

E così, mentre le forze di governo a trazione leghista, dunque settentrionale, oggi provano a trascinarci indietro nell’oscurità dell’odio e della negazione di diritti, noi abbiamo spalancato le porte alla luce dell’arcobaleno ed al futuro.

SI DEVE RICOMINCIARE DA QUA

Anche l’amministrazione ha fatto bene la propria parte, forse anche grazie al loro peccato originale di essersi contaminati con noi (intelligenti pauca).

Ma da domani usino la benefica scossa del Pride per cominciare finalmente a governare, dato che fino ad oggi di governare proprio non se ne è parlato.

PeopleHaveThePower

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Abellinum Pride, Sinistra Italiana Atripalda: “si ricomincia da qua””

  1. Antonio ha detto:

    Trovo veramente inopportuno ed antipatico questo articolo. Una manifestazione bellissima, civilissima che ha fatto balzare nel giro di 24 ore Atripalda alla cronaca nazionale, su uno dei più seguiti blog nazionali ed internazionali quale Huffington Post.

    Non capisco il perché voler mettere il cappello a tutti i costi su questa manifestazione e sulla sua genesi.

    La solita sinistra arrogante e presuntuosa, quella che si presenta come genitrice e protettrice di tutti i diritti e che non ha il coraggio di fare nulla di sinistra, quella che la gente boccia con una manciata di voti e la fa stare a casa.

    Per cortesia neppure l’Amministrazione ha voluto politicizzare l’evento e soprattutto il risultato.

    E’ stata una giornata incredibile dove per strada sono scese coppie di fidanzati, coniugi e soprattutto intere famiglie con i loro figli, sono stati tutti loro insieme ai ragazzi che manifestavano a fare di Atripalda un esempio di grande civiltà.

    Se Atripalda aveva a cuore il pensiero di Sinistra Italiana non vi lasciava a casa, ma oggi magari sareste voi ad amministrare, quindi, per cortesia abbiate il buon senso ed il buon gusto di stare zitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *