venerd� 01 marzo 2024
Flash news:   Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto

Prc: “Un Consiglio comunale aperto ad Atripalda sull’ambiente”

Pubblicato in data: 15/7/2019 alle ore:08:34 • Categoria: Politica, Prc

Atripalda – è risaputo – si trova in una situazione di autentica emergenza ambientale: il rinvenimento di un’abnorme quantità di mercurio nel fiume Sabato non è che l’ultimo, inquietante episodio di una sequenza negativa interminabile. L’inquinamento atmosferico, idrico ed acustico (del quale, ingiustamente, non si parla mai, così come sembra sparito anche quello elettromagnetico) è ormai parte integrante del panorama cittadino, con gravi conseguenze sulla salute dei suoi abitanti. L’amministrazione del sindaco Giuseppe Spagnuolo non ha finora portato avanti alcuna seria politica di contrasto all’inquinamento; ha sempre svolto un’azione frenante nelle sedi di coordinamento fra i Comuni dell’hinterland avellinese; ha sempre considerato un tabù la semplice ipotesi di provvedimenti restrittivi nei confronti della circolazione automobilistica; il massimo sforzo prodotto in materia è stata l’adozione di ordinanze sindacali imbarazzanti per la propria inconsistenza, come quella che si prefiggeva di  ridurre il tasso di inquinamento attraverso il divieto degli abbruciamenti e la limitazione del riscaldamento domestico. Non è un caso, pertanto, che oggi, ad estate ormai avanzata, questa amministrazione non riesca o non voglia assicurare  le misure minime, come il lavaggio delle strade cittadine, indispensabili ad assicurare un accettabile standard igienico e che il centro abitato si presenti pertanto sporco e spesso maleodorante.  C’è stato finora un attore muto, non per propria scelta, sulla questione ambiente: la popolazione atripaldese. E’arrivato il momento di ascoltarla e coinvolgerla, convocando un consiglio comunale tematico, aperto alla sua partecipazione e al suo intervento. Lo prevede lo Statuto Comunale (articolo 11, comma 7). Lo può convocare non solo il sindaco, ma anche la minoranza consiliare. Quella del consiglio comunale aperto è un’indicazione di metodo, certo, ma anche di sostanza; un segnale di rispetto e di attenzione per una cittadinanza che ha il diritto di far sentire la propria voce su problemi che la riguardano direttamente e di conoscere, senza intermediazioni, quale sia la politica di chi la governa su un tema così delicato e dirimente. Ammesso che ve ne sia una, naturalmente.

Luigi Caputo

Partito della Rifondazione Comunista – Atripalda

​​​​​ Federazione PRC Avellino

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *