sabato 13 agosto 2022
Flash news:   Opposizione all’attacco della maggioranza: “stop ai veleni post voto” Aree giochi per bambini, conclusi i lavori del primo lotto. Il sindaco: “mi appello al senso civico di tutti” L’Alienazione dell’ex sede Asl di via Tiratore riaccende lo scontro politico in città. Renzulli (Abc): «è il fallimento di chi ci ha governato» L’Inail mette in vendita l’ex sede Asl di via Tiratore: asta il 5 ottobre al prezzo di 2 milioni e mezzo Straripamento al Ponte delle Filande, l’Amministrazione Spagnuolo: “Mai visti mezzi in azione il giorno stesso dell’esondazione”. Foto Notte di San Lorenzo al parco archeologico di Abellinum Maltempo, straripa il Fenestrelle all’altezza del Ponte delle Filande: contrada Fellitto allagata e strada chiusa L’Amministrazione punta ad aggiornare l’albo delle associazioni presenti in città La Mantide della Brianza ha truffato anche un 71enne di Atripalda I volontari della Protezione civile di Atripalda in campo la domenica in piazza Umberto I come presidio di sicurezza: parla la delegata Maria Fasano

Prc attacca: “Gli ambientalisti della venticinquesima ora”

Pubblicato in data: 25/5/2021 alle ore:08:57 • Categoria: Politica, Prc

Eccoli,  gli ambientalisti di nuovo conio. Hanno la divisa dell’amministrazione comunale di Atripalda. Da quando i giovani dell’associazione “Idea Atripalda” hanno fatto installare una centralina per il rilevamento dell’inquinamento atmosferico in via Roma (seguiti a ruota dall’ARPAC,   che ne ha collocato un’altranel Parco delle Acacie), è  tutto un fiorire di dichiarazioni e accorati appelli pro-ambiente da parte del signor Spagnuolo e dei suoi assessori. Discorsi così appassionati che,  al confronto,  quelli di Greta Thunberg assumono i toni di un verde pallido e sbiadito. È  un ambientalismo di tipo nuovo e fresco,  il loro,  che non si manifesta con atti, decisioni e provvedimenti: cose vecchie,  burocratiche e polverose,  che appartengono al passato. Assomiglia piuttosto a una suggestione,  un sentimento,  un moto dell’animo.  Qualcosa che si avvicina molto alla poesia.  È per questo motivo,  forse,  che raggiunge accenti lirici, come quelli toccati dalla vicesindaca Anna Nazzaro,  la quale ha elogiato il sindaco per aver -pensate un po’ –  “partecipato alla conferenza stampa di presentazione del nuovo dispositivo mobile” . Al che verrebbe da replicare:  i sindaci che conosce Nazzaro quando ci sono le conferenze stampa dell’ ARPAC lanciano forse gli aerei di carta per sabotarle oppure si chiudono in un ostinato mutismo e fanno ammainare le bandiere a mezz’asta? E inoltre:  “Il Sindaco Spagnuolo e la sua Giunta seguono con attenzione quanto sta accadendo ad Atripalda in queste ore in merito alle rilevazioni ambientali dell’ARPAC e ribadiscono che hanno accolto con favore l’ installazione della centralina mobile all’interno del Parco delle Acacie. Ma,  ci permettiamo  di osservare,  che cosa avremmo dovuto aspettarci,   che i componenti della Giunta formassero una barriera umana per impedire l’installazione della centralina?

Sindaco e assessori,  anche meno,  per favore. Si vede da chilometri di distanza che,  per usare un’espressione popolare, state rosicando per l’ installazione delle nuove centraline, soprattutto di quella voluta da “Idea”, che hanno smascherato il gioco che avete condotto in questi anni  Questa corsa ad arrampicarvi sugli specchi appare perciò,  oltre che patetica,  controproducente. Vi converrebbe essere un po’ più  sobri e silenziosi, come quell’inquinamento che in quattro anni non avete mosso un dito per affrontare. Forse non fareste una figura più  bella,  ma almeno evitereste figuracce. Il massimo a cui,  in  questo momento, potete aspirare.

Luigi Caputo

Partito della Rifondazione Comunista -Atripalda-  ComitatoPolitico Provinciale Federazione PRC Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.