Flash news:   Scattano da domani i divieti di sosta in piazzetta Pergola e in via Aversa ad Atripalda. Sale la protesta dei residenti della palazzina comunale di via Fiumitello ad Atripalda Incendio a Pianodardine, Antonio Prezioso (Fdi): “il sindaco Spagnuolo si attivi presso l’Arpac” Nuova segnaletica per le strade di Atripalda, aggiudicata la gara Sette offerte per la costruzione della nuova scuola media “Masi” di Atripalda In fiamme nella notte deposito di autoarticolati di un’azienda di trasporti a Pianodardine. Foto Degrado fontana in piazza Umberto I, le accuse del consigliere comunale Francesco Mazzariello Viabilità e parco ad Atripalda, interventi per la messa in sicurezza Covid 19, allarme ad Atripalda: ancora un nuovo contagio Campetto di contrada Ischia, aperto il cantiere

Inquinamento ad Atripalda, l’ex consigliere comunale del Prc Caputo attacca l’Amministrazione: “la politica dello struzzo”

Pubblicato in data: 26/3/2021 alle ore:22:58 • Categoria: Politica, Prc

Uno smacco per le amministrazioni inadempienti: questo il significato della recente iniziativa delle associazioni ambientaliste che provvederanno in proprio all’installazione di centraline per il controllo della qualità  dell’aria ad Avellino e nei centri limitrofi. E se nel capoluogo il quadro della situazione appare ormai consolidato nella sua drammaticità (con ben 78 superamenti nell’emissione di polveri sottili lo scorso anno e già  21 fino all’inizio di marzo quest’anno)  a cui fa peraltro da contraltare una totale e colpevole inerzia del sindaco Festa,  ad Atripalda si è  pensato bene di eliminare il problema nella maniera più  radicale:  abolendo i controlli  tout court.  Ovvero, nessun rilevamento,   nessun inquinamento. Et voilà. Il sig. Spagnuolo ha trovato la soluzione. Sembra la scoperta dell’acqua calda,  ma a pensarci bene c’è del genio,  anzi della magia in questa capacità di far scomparire per incanto i problemi,  almeno quelli che non si vedono e non si toccano (e che però  in compenso si sentono),  come l’inquinamento.  L’ultima volta che  il sig.  Spagnuolo ha battuto un colpo, prima di inabissarsi come una figura dell’oltretomba dantesco, è stato il 21 febbraio dello scorso anno,  allorquando preannunciò la collocazione,  di concerto con il comune capoluogo, di una centralina nei pressi dell’ex mattatoio comunale di Avellino,  a ridosso di Atripalda:  qualcuno l’ ha vista finora? Nella stessa circostanza egli  affermava di essere pronto a scrivere all’ARPAC  “per chiedere centraline mobili”. Bene. Dopo un anno nessuna notizia al riguardo. Ci sono stati problemi di comunicazione? Il sindaco  non è riuscito ancora a completare la lettera? Se il problema è  questo possiamo dargli una mano. Qualora invece la lettera sia  arrivata a destinazione ma con esito infruttuoso,  allora qualche  centralina l’ amministrazione avrebbe potuto installarla,  se non altro per venire incontro a ripetute sollecitazioni in questo senso,  soprattutto da parte di  “Idea Atripalda”.  Se oggi possono riuscirvi le associazioni con i soli loro mezzi,  non può  farcela un ente  territoriale di media grandezza come il comune di Atripalda?  O invece il problema sta,  com’ è  di tutta evidenza,  altrove? Si chiama “sindrome dello struzzo”: ovvero mettere la testa sotto la sabbia per eludere ostacoli e responsabilità. Ove esistesse un premio per questa specialità,   Spagnuolo lo avrebbe già  vinto, sbaragliando ogni  concorrenza. Intanto è  ormai vicino a un altro grande primato:  arrivare al termine del proprio mandato senza aver mai fornito un dato,  anche minimo,   sulla situazione dell’ inquinamento atmosferico ad Atripalda.

 

Luigi Caputo

Partito della Rifondazione Comunista -Atripalda

Federazione PRC Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *