alpadesa
  
sabato 19 settembre 2020
Flash news:   Riapertura scuole ad Atripalda, l’Amministrazione alla ricerca di immobili da adibire ad aule e laboratori Il Parco archeologico di Abellinum e la basilica paleocristiana di Atripalda interessati da lavori di pulizia straordinaria. Foto Giovani e lavoro, l’impegno di Alessia Castiglione (Fdi): “Eliminare tutti gli ostacoli alla creazione di occupazione e ricchezza” Regionali, il candidato Luigi Tuccia: «L’equità sociale e la salvaguardia dell’ambiente sono le sfide per realizzare il domani» Regionali, Carlo Iannace questa mattina incontra gli elettori di Atripalda Il colonnello Luigi Bramati nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino Presentata la Maglia Ufficiale dell’Us Avellino per la Stagione 2020/21 Serie B, Scandone: esordio con Pozzuoli il 15 novembre Serie C 2020/2021, ecco il cammino dell’Avellino Festeggiamenti Santo Patrono San Sabino Vescovo, oggi messe all’aperto in piazza Umberto I ad Atripalda

Piani di zona, Caputo (Prc):«Politica regionale indecorosa, da lotta alla povertà a lotta ai poveri»

Pubblicato in data: 29/8/2010 alle ore:14:38 • Categoria: Politica, Prc

soldiL’assemblea organizzata la scorsa settimana dai sindacati ha avuto il merito di accendere i riflettori su un settore spesso colpevolmente trascurato, quello dei piani di zona sociali. E’ emersa in tutta la sua drammaticità la situazione in cui versano le lavoratrici e i lavoratori del settore, in molti casi privi della retribuzione ormai da molti mesi. Nel contempo si è avuta una dimostrazione del modo in cui non si deve interpretare la funzione delle istituzioni: se la Regione sta dando luogo, rispetto alla Politiche sociali complessivamente intese, a un comportamento indecoroso (dal PRC più volte denunciato), con una politica di tagli selvaggia e indiscriminata, e sta trasformando quindi la lotta alla povertà nella lotta ai poveri, non ne esce molto meglio l’amministrazione provinciale, la cui immagine, stando alle parole pronunciate dall’assessore Del Mastro, si riduce a quella di passacarte, nemmeno troppo efficiente. Non è affatto vero, infatti, – come ha affermato l’assessore (evidentemente molto più impegnato, nel corso di questi mesi, a dare e ricevere colpi all’interno del proprio partito-fantasma, che non ad affrontare i problemi della propria area di competenza) – che le funzioni della Provincia in materia siano poco più che simboliche. Vi è, in primo luogo, un compito di programmazione a cui essa è chiamata dalla legge quadro n. 328/2000, e rispetto alla quale è in questo momento è del tutto latitante. Appare invece condivisibile la proposta, emersa nel corso del dibattito al “Samantha Della Porta“, di rompere gli indugi rispetto alla situazione di stallo determinatasi e chiedere all’assessore regionale di partecipare ad Avellino ad un incontro specifico e risolutivo, dovendosi procedere esclusivamente a restituire quanto spetta.
Se oggi la priorità va attribuita allo sblocco dei trasferimenti dalla Regione, che consenta di porre fine all’attuale emergenza stipendi, immediatamente dopo si dovrà procedere a una profonda analisi critica del modo in cui i PdZ hanno funzionato (o non hanno funzionato) fino a questo momento in Irpinia, svolgendo quella seconda parte del discorso rimasta sostanzialmente in ombra in occasione dell’incontro del 23 agosto, e che invece deve rappresentare il fulcro delle politiche sociali: il soddisfacimento di bisogni attinenti alle diseguaglianze di condizione personale e sociale, oggi destinate ad acuirsi con lo stravolgimento delle politiche pubbliche e gli incessanti colpi assestati al Welfare, direttamente e indirettamente, dal governo nazionale.
Noi comunisti siamo vicini alla lavoratici ed ai lavoratori, ci rammarichiamo di non aver potuto apprendere direttamente dalla loro voce il malessere che li investe, e li invitiamo anzi a rivendicare con sempre maggiore forza e determinazione i loro diritti. Non possiamo, invece, sentirci vicini agli imprenditori del dolore, che nel corso degli anni hanno spesso e volentieri operato una duplice speculazione: da un lato, sui soggetti portatori di disagi, bisogni e drammi; dall’altro, sulla mancanza di lavoro che spesso induce gli operatori del settore ad accettare condizioni di precarietà e retribuzioni al limite della sopravvivenza. Naturalmente, non siamo vicini, anzi, le consideriamo avversari da sconfiggere, a quelle (pseudo) cooperative che calpestano la dignità dei propri soci, e a quelle che hanno fatto incetta di appalti, senza nemmeno assicurare servizi adeguati.
Allo stesso modo, non possiamo condividere quelle formule organizzative che alcuni Piani di Zona hanno deciso di darsi, come quelli che si sono costituiti in Consigli di Amministrazione nel nome di una “managerialità” il cui unico risultato visibile è stato finora quello di determinare un aumento complessivo dei costi insieme ad un ulteriore distacco dalle popolazioni interessate. Sarebbe stato lecito aspettarsi, dagli attuali vertici dei PdZ provinciali, qualche accento autocritico al riguardo, a partire da quanto è stato fatto (e non fatto) rispetto alle politiche di promozione attiva del contrasto del disagio e della marginalità, oggetto troppo spesso di un approccio esclusivamente formale e burocratico che condanna all’invisibilità i soggetti coinvolti. Invece abbiano dovuto constatare una tendenza all’autoesaltazione francamente immotivata, soprattutto da parte di chi si trova ad occupare un ruolo per esclusiva indicazione partitica e continua a detenere una pluralità di incarichi (vedi PdZ A6) del tutto inopportuna. Il fronte comune più volte invocato durante l’assemblea al Centro Sociale presuppone perciò, se non vuole ridursi a formula ambigua ed ingannevole, chiarezza d’intenti e rispetto delle regole. La delicatezza delle funzioni a cui gli operatori delle cooperative sono preposti non può divenire un alibi per la compressione dei diritti, compreso quello del ricorso all’arma dello sciopero che, se non si concretizzassero significative novità a breve, si renderebbe inevitabile.

Luigi Caputo
Segreteria provinciale PRC Avellino
Responsabile settore Politiche Sociali

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *