alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino

Eccellenza, nuovo ko del Città Atripalda in trasferta a Pompei: 3 -1

Pubblicato in data: 24/9/2011 alle ore:20:35 • Categoria: Calcio, Sport

mister-amatoTabellino
Città di Pompei: Fiorenza 6.5, Santonicola 6, Zambardino 6, Battimelli 5.5, Del Nunzio 6, Izzo A. 6.5, De Blasio 7 (31′ s.t. D’Amora s.v.), Alfano 5.5, Santaniello 6 (25′ s.t. Gracco 6), Agnello 6, Trigidia 5.5 (23′ s.t. Magliulo s.v.).
A disp.: Abbruzzese, Longobardi, Troianiello, Marrazzo.
Allenatore: Amato 6.5.
Città di Atripalda: Caruccio 5, Tancredi 5.5, Sicignano 6 (10′ s.t. Simone 5.5), Mesisca 6.5, Galliano 5.5, Tirri 6, Vecchione 6.5, Raffone 5 (10′ s.t. Rupa 5.5), Vacca 6, Saviano 6, Gagliardi 4.5.
A disp.: Santaniello, Cerullo, Guarino, Ambrosio, De Turris.
Allenatore: Montanile 6.
Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore 6.
Assistenti: Caso e De Prisco di Nocera Inferiore.
Marcatori: 17′ p.t. Santaniello (CP), 3′ s.t. Tirri aut. (CP), 9′ s.t. De Blasio (CP), 31′ s.t. Saviano (CA).
Ammoniti: Battimelli, Fiorenza, Zambardino (CP), Mesisca, Vecchione, Galliano (CA).
Note: presenti sugli spalti 300 spettatori circa.

Cronaca
Il Città di Pompei capolista scopre di essere anche cinico e spietato al cospetto di un Città di Atripalda che lo ha messo alle corde durante tutta la prima frazione di gara. I rossoblu si godono il primato a punteggio pieno dopo essere usciti alla distanza in una gara dove non sono riusciti ad esprimersi al meglio. Passivo oltremodo severo per gli uomini di Montanile che devono mangiarsi le mani per le ghiotte occasioni avute nel primo tempo e per le ingenuità difensive che hanno spianato strada alla formazione di Amato (foto). Biancoverdi in campo con un 4-4-2 atipico: in attacco Saviano e Vacca hanno il compito di non dare punti di riferimento alla retroguardia avversaria. A sorpresa c’è Gagliardi a sinistra nella linea a quattro di centrocampo, ma soprattutto Vecchione che recupera all’ultimo e va a posizionarsi sulla fascia destra. In mezzo la sostanza di Mesisca e la qualità di Raffone. In difesa, davanti a Caruccio, Tancredi e Sicignano sugli esterni e coppia centrale formata da Galliano Tirri. Atteggiamento speculare per i padroni di casa che si affidano a bomber Santaniello supportato da De Blasio. Agnello e il baby Trigidia hanno licenza di offendere sulle fasce di centrocampo, mentre Alfano e Battimelli giocano in mezzo. Difesa solida con Del Nunzio e Izzo centrali e Santonicola e Zambardino sulle fasce davanti a Fiorenza. L’impatto sulla gara degli ospiti è dei migliori e lo si vede già al 14′ quando Vacca si beve mezza difesa avversaria con un numero d’alta scuola, entra in area ma da posizione leggermente defilata sulla sinistra davanti a Fiorenza conclude di punta sull’esterno della rete. L’undici mariano stenta ad imporre il proprio gioco ma passa in vantaggio nel suo momento peggiore: corre il minuto 17 quando Galliano non riesce a rinviare bene, De Blasio raccoglie palla al vertice sinistro, entra in area e mette in mezzo per Santaniello che tutto solo non può far altro che depositare in rete. Seconda marcatura per il bomber di Pagani che marchia a fuoco la sua seconda presenza in maglia rossoblu. Svantaggio immeritato per Tirri e soci che però si riorganizzano riprendendo a macinare gioco e tornando pericolosi. Come a 26′ quando per vie centrali Saviano verticalizza per Vacca che spalle alla porta al limite di tacco favorisce l’inserimento di Raffone che a tu per tu con Fiorenza si lascia ipnotizzare. Il Città di Pompei sbanda sugli inserimenti per vie centrali della formazione di Montanile e non riesce a sviluppare la propria manovra, rendendosi pericoloso soltanto al 34′ con un tiro dal limite di Santaniello che calcia da fermo sfiorando il palo alla sinistra di Caruccio. La ripresa si apre con l’uno-due micidiale che taglia le gambe al Città di Atripalda. Al 3′ su lancio in verticale di Agnello, Tirri è in vantaggio sul diretto avversario ma si accorge troppo tardi dell’uscita di Caruccio e lo sorprende con un pallonetto che ha dell’incredibile. Sfortunato il capitano atripaldese autore fino a quel momento di una prestazione perfetta. Ospiti in bambola e al 9′ arriva il tris: sale in cattedra De Blasio con una punizione magistrale dal limite che aggira la barriera, sbatte sotto la traversa e si insacca alle spalle di Caruccio. Avvio di ripresa fatale ai sabatini che provano a reagire ma è ancora il Città di Pompei che sul velluto sfiora il poker: De Blasio converge per vie orizzontali al limite e smarca in area Agnello che colpisce in pieno il palo più lontano. Due minuti dopo Saviano accorcia le distanze raccogliendo una respinta della difesa a pochi passi dalla porta. Città di Atripalda tutto proteso in avanti per tentare la rimonta ma gli uomini di Amato controllano la gara rischiando di affondare grazie alle praterie concesse dall’avversario. Festeggia il Città di Pompei che continua a stupire, recrimina il Città di Atripalda per le occasioni gettate al vento.

Spogliatoi

Toni pacati in casa Città di Pompei dopo il successo che ha regalato il primato a punteggio pieno. Mister Amato prova a smorzare gli entusiasmi riportando tutto l’ambiente sulla terra: “Il nostro obiettivo resta la salvezza. I nostri piani non cambiano neanche dopo queste tre vittorie. Abbiamo conquistato tre punti importanti soffrendo. Non mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra nel primo tempo, non abbiamo giocato come sapevamo. La nostra caratteristica è quella di giocare palla a terra ed è venuta a mancare. Nel secondo tempo siamo scesi in campo con un altro spirito e i risultati si sono visti chiudendo subito la partita. Forse ci eravamo montati un po’ la testa dopo i sei punti conquistati nelle prime due gare“. Il tecnico rossoblu non può che guardare al futuro con fiducia: “Abbiamo ampi margini di miglioramento. Il vero Pompei lo vedremo tra un mese. Stiamo cercando di fare il possibile nonostante siamo partiti tardi. Possiamo fare molto meglio sotto il profilo del gioco“. L’ultimo pensiero è sugli under, in particolar modo i ’94 Trigidia e Magliulo che stanno ben figurando: “Ho la fortuna di avere a disposizione due elementi interessanti. Devono migliorare anche loro sotto tutti punti di vista. Vorrei che diventassero come il loro coetaneo dell’Atripalda Vecchione bravo sia nella fase difensiva sia in quella offensiva”. Mastica amaro sull’altra sponda mister Montanile che, tuttavia, sottolinea la grande prova dei suoi nel primo tempo: “La squadra ha disputato una gara perfetta. L’unica sbavatura c’è stata in occasione del vantaggio degli avversari. Siamo stati puniti al primo errore. L’atteggiamento è stato quello giusto, abbiamo imposto il nostro gioco andando vicini al gol in un paio di occasioni. Ai ragazzi rimprovero soltanto le due ingenuità difensive che ci sono costate caro. Non si può concedere un’occasione del genere ad un attaccante come Santaniello. Nel secondo tempo l’autogol ha spianato la strada al Pompei mentre a noi ha tagliato le gambe. Ci siamo disuniti e ho cercato di cambiare qualcosa per dare una scossa. Una minima reazione c’è stata e anche da questa dovremo ripartire. Mi assumo tutta la responsabilità di questa sconfitta“. L’occasione per rialzarsi è offerta dal match di andata dei sedicesimi di Coppa Italia che riproporrà il derby contro l’Eclanese. Il tecnico sabatino non vuole cali di tensione: “Dobbiamo tornare subito al lavoro per preparare la partita di mercoledì. Per noi sarà importante ricompattarci e riscattarci. La squadra ha delle grosse potenzialità, le metterà in mostra nei prossimi impegni“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *