domenica 16 giugno 2024
Flash news:   Torna “L’Irpinia Corre”, la storica gara podistica ad Atripalda domenica 23 giugno Europee, l’analisi del voto del circolo Fdi Atripalda Domenica a parco Acacie “Dedicato a chi non c’è più” IV edizione La Del Fes vince a Montecatini e approda in A2 L’Avellino ha scelto la sede del ritiro estivo: è San Gregorio Magno Forza Italia primo partito ad Atripalda alle Europee, l’analisi di Ermelindo Romano Atripalda, provoca danni a veicoli e aggredisce gli automobilisti: identificato e denunciato dai Carabinieri Europee, D’Agostino sostenuto da pezzi dell’Amministrazione Spagnuolo raccoglie 761 voti Europee, urne chiuse ha votato il 41,45 % ad Atripalda Europee, alle ore 19 ha votato il 31,76% ad Atripalda

Incremento addizionale Irpef, Sel: “L’Amministrazione ha scaricato sui cittadini il peso della crisi”

Pubblicato in data: 27/6/2012 alle ore:13:22 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e Libertà

sinistra-ecologia-e-libertaQuando ci prendiamo la responsabilità di dire qualcosa, statene certi l’abbiamo ben ponderata. Avevamo avvertito che quando si sparano cifre terroristiche a casaccio sul deficit del Comune (ad esempio: come si fa a contabilizzare come debito la mancata vendita del centro servizi?) è fatto con il solo intento di mettere le mani avanti per avere la “pezza di appoggio” per poi imporre una maggiore imposizione fiscale ai cittadini. E avevamo letto bene le intenzioni di questa amministrazione di centrodestra! L’aumento del 60 per cento dell’addizionale Irpef la dice lunga sul fatto che l’amministrazione scaricherà per intero il peso della crisi sui cittadini indistintamente e senza alcuna gradualità, dunque pesando sui redditi più bassi proporzionalmente in misura maggiore, in una Regione, peraltro, che ha già le massime aliquote regionali di addizionale ed IRAP. E questo dopo il pistolotto sull’IMU definita imposta iniqua che non andava aumentata (come dicono praticamente tutti e infatti al momento non l’ha aumentata praticamente nessun comune), tesi che condividiamo ma a patto di non gravare sui più deboli con altre manovre parallele! Dunque, esattamente quello che temevamo da un’amministrazione di centrodestra : inversione di rotta rispetto a quanto fatto dalla precedente giunta di centrosinistra che ha puntato sul recupero dell’evasione, soprattutto quella che riguarda il patrimonio non abitativo e dunque le fasce meno deboli. Si è trattato di un’opera complessa e faticosa portata avanti con l’ottima collaborazione dell’ufficio tributi e che aveva cominciato a dare i suoi frutti solo alla fine della precedente legislatura. Tante persone perbene hanno aderito riconoscendo di essere in difetto, ma tanto c’è ancora da fare. Solo che si tratta di un’opera scomoda, contrariamente alla semplice scelta di un numero magico che moltiplica indiscriminatamente le tasse dei cittadini. Si continui invece con la politica di lotta all’evasione se non si vogliono affliggere solo i più deboli, considerato che la parte più difficoltosa dell’opera di contrasto all’evasione, quella organizzativa, è stata fatta: gli uffici ora hanno gli strumenti! E si controlli la spesa rendendola più equa e trasparente.
Per il resto, oltre alla meravigliosa inedita idea di far pagare ai soliti che già sopportano più degli altri il peso di una crisi devastante, nessuna altra idea all’orizzonte. Gli elettori di “uniti per Atripalda” si aspettavano soluzioni innovative e geniali, che facessero dimenticare il “mostro” Laurenzano. E invece ? Per il centro PMI di San Lorenzo ecco che spunta…….il fitto all’ASL! Ma è stato il tormentone di Laurenzano per mesi ! Per l’alienazione degli immobili: priorità alla redazione di un inventario. Ma l’inventario c’è già, e l’ha commissionato la giunta di centrosinistra! Si dice poi di voler puntare sul fotovoltaico. Ma la precedente amministrazione ha già aderito al programma Aspea del consorzio Asmez, che punta a dotare gli edifici pubblici di pannelli fotovoltaici per azzerare la bolletta energetica del comune.
Ma una novità concreta c’è ed è la qualità della democrazia dell’Amministrazione Spagnuolo : dopo la triste vicenda del PD consegnatosi inerme all’UDC per favorirne il successo elettorale, ecco ora la patetica storia dell’assessore eletto in quota PSI ma evidentemente organico all’UDC. E’ bastato meno di un mese per svelare che più che “Uniti per Atripalda ” per interpretare la vera essenza della lista che ha vinto le ultime elezioni occorreva chiamarla “Annessi per Atripalda”!
Una singolare concezione della democrazia insomma, che non prevede dialettica interna ma punta a coalizioni dal pensiero unico, che ammettono nel “cerchio magico” solo chi è disposto a diventare funzionale all’UDC o, peggio ancora, chi lo è già pur militando in un altro partito . Insomma dopo la tanto vituperata democrazia secondo Laurenzano (che non ci ha mai convinto e lo abbiamo detto anche pubblicamente) ecco ora la democrazia secondo Spagnuolo . Un’ evidente, preoccupante, involuzione.
SEL di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

9 risposte a “Incremento addizionale Irpef, Sel: “L’Amministrazione ha scaricato sui cittadini il peso della crisi””

  1. Antonio Cucciniello ha detto:

    Avete perfettamente ragione l’aumento di queste cose penalizzano il cittadino e le fascie deboli. Io proporrei al sindaco Spagnuolo di far pagare meta’ a noi cittadini e il resto lo fai pagare a chi fino ad oggi a mal governato questa città. Perché non dimentichiamoci che la nostra Città l’abbimo regalata fini ad oggi vedi i pagamenti della tardi e del suolo pubblico. Allora scegliamoci avete portato ad Atripalda al punto di non ritorno e oggi siete a criticare il Sindaco vergognate i e unitevi insieme per portare il paese fuori da questo dramma e poi se ne parla!!!!

  2. gennaro ha detto:

    siete veramente ridicoli ma voi dove siete stati finio ad adesso???? gia’ avete contribuito insieme alle passate amministrazioni a fare debiti sulla pelle degli atripaldesi e tenete ancora il coraggio di parlare? state zitti che se ci troviamo in queste condizioni e’ anche per colpa vostra

  3. Alberto Alvino ha detto:

    Criticare tanto per criticare: E’ solo una perdita di tempo. Visto che conoscete bene come funziona la nostra Amministrazione,essendone stati partecipi, cercate di essere propositivi con obiettivi mirati. Così fate solo demagogia .
    Parlate di lotta all’evasione, ebbene io sono tra questi. La Sapignoli nel 1997, esattamente il 14 giugno, misuro’ il sottotetto fino ad una certa altezza, pertanto con la misurazione del 2 marzo 2011, da me sollecitata, sono risultati tre metri in più. Questa è evasione? oppure è la Sapignoli che ha sbagliato? Di tutti i nomi che si fanno continuamente in piazza, dove l’evasione esiste per davvero, non avete fatto un bel niente. Il recupero delle somme è veramente risicato. Il grosso è ancora tutto da scoprire e voi lo sapete bene. Ci stava lavorando l’Assessore Luigi Adamo e sono convinto che la collaborazione non gli è stata data. Per quanto riguarda il PSI : è vero stanno litigando, però lo fanno dopo aver presentato la lista ed essere stati eletti. Voi per litigare avete dimenticato di presentare la lista.

    Alberto Alvino

  4. Luca ha detto:

    Compagni non vi crucciati per questi 3 e dico 3 di numero commenti… E’ la claque’! Gli atripaldesi hanno occhi ed orecchie. Continuate cosi’!

  5. Rubino ha detto:

    L’azione dell’amministrazione è brutta come i commenti letti. Tanta confusione e ignoranza……..si usa la parola demagogia in contesti in cui non è pronunciabile e si parla di fatti personali che potrebbero non interessare proprio nessuno. L’articolo di cui sopra è stato scritto da SEL cioè un gruppo che ha collaborato con la precedente amministrazione e se fa delle affermazioni li fa a ragion veduta. Sicuramente Nicola Adamo ha collaborato in parte alla stesura dell’articolo e tanto ci da la certezza che quanto scritto sia vero e serio. L’addizionale comunale dal 0,5 allo 0,8 equivale a raddoppiarla e non per tutti………………..sicuramente per pensionati e stipendiati. Ho la sensazione che era meno peggio aumentare di qualche punticino l’ IMU.

  6. Alberto Alvino ha detto:

    Caro Luca, i commenti sono solo tre ma è presto per dirlo. Comunque tutti e tre diciamo la stessa cosa. Se si vuole collaborare gli attuali amministratori, deputati a farlo, non credo che vi saranno prevaricazioni. Se vogliono cominciare bene, allora coinvolgessero la Guardia di Finanza e la Corte dei Conti sul recupero dell’evasione. Sono stati per anni al Comune e sanno bene dove c’è il marcio.

    Alberto Alvino

  7. Rubino ha detto:

    Mi scuso con i commentatori, ho commesso 3 dico 3 errori: di scrivere a persone che non hanno la capacità di leggere , ho scritto “Nicola”, onore a Lui, invece di Luigi e 5 invece che dal 4 all’ 8. Confusione e demagogia la fa chi scrive perchè non si vuol capire che a proporre sono gli amministratori e non i lettori che possono dare consigli utili.

  8. Alberto Alvino ha detto:

    Rubino, sicuramente non abbiamo la capacità di capirti.

    Alberto Alvino

  9. Rubino ha detto:

    Signor Alvino, non la conosco, ma mi spiace farle notare e, se vuole lo può leggere, che avevo ragione perchè io , non offendo nessuno, che c’è scritto testualmente ” non hanno la capacità di leggere” . Le consiglio più calma e attenzione nel leggere i commenti di tutti!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *