alpadesa
  
Flash news:   Nuovi scarichi abusivi nel fiume Sabato nel tratto che attraversa Atripalda, la denuncia di Franco Mazza: “non bisogna abbassare l’attenzione sulle condizioni del corso d’acqua”. Foto Us Avellino, l’amministratore Nicola Circelli: “effettuati i pagamenti necessari per evitare sanzioni e penalizzazioni” Grande partecipazione al “Premio San Valentino–Città di Atripalda”. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda, fa discutere la circolare della preside Amalia Carbone che vieta i vestiti di Carnevale all’Infanzia. I genitori si dividono sui social “Ci vuole un fiore”, incontro al Convento di San Giovanni Battista domenica su ecologia e benessere “Laganum in Arce” a Manocalzati nel castello di San Barbato Calcio, l’Abellinum vince ancora Ciclismo, l’A.S Civitas-Profumeria Lucia intensifica la preparazione in attesa del debutto Porta i cani nell’ex scuola di Rampa San Pasquale interdetta al pubblico, fermato dai Vigili Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza”

Riordino delle province, Sibilia e Galasso uniti contro la perdita di Avellino capoluogo. Guarda il Video

Pubblicato in data: 11/9/2012 alle ore:16:55 • Categoria: Attualità, Politica, Video intervisteStampa Articolo

giunta-provinciale-e-comunaleUn documento condiviso da Provincia e Comune da sottoporre alla Regione Campania affinché intervenga in maniera fattiva contro il riordino delle province che unisce l’Irpinia al Sannio e di fatto elimina il capoluogo Avellino. Il presidente Sibilia e il sindaco Galasso hanno fatto fronte unico con la convocazione in contemporanea del consiglio a Palazzo Caracciolo e in Comune per difendere insieme il territorio che insieme ad Atripalda, Mercogliano e Monteforte accoglie oltre 100mila abitanti. L’ente provinciale, che invece è al sicuro dai tagli in base ai parametri del decreto legislativo di luglio, ribadisce il fermo rifiuto all’isolamento e al conflitto con Benevento. Nessuna guerra tra poveri ripete Galasso chiamando ad intervenire gli irpini in Regione. Palazzo Santa Lucia sarà chiamato in ogni caso entro un mese a pronunciarsi e presentare la sua proposta al Governo Centrale. Nel caso in cui non vengano tenute in considerazione le ragioni esposte nel documento non si esclude l’ipotesi di impugnativa.

[flv width=”250″ height=”200″ image=”https://www.atripaldanews.it/video/documento provincia e regione atripaldanews.jpg”]https://www.atripaldanews.it/video/documento provincia e regione atripaldanews.flv[/flv]

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Riordino delle province, Sibilia e Galasso uniti contro la perdita di Avellino capoluogo. Guarda il Video”

  1. Antonio ha detto:

    COSTI QUEL CHE COSTI , SE NE DEVONO ANDARE A LAVORARE PARECCHI DI QUESTI ! E’ GIUNTO IL MOMENTO CHE LA TECNOLOGIA DEVE ENTRARE A PIEDI UNITI NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI ! BASTA GENTE CHE PRENDE MIGLIAIA DI EURO PERDENDO TEMPO DALLA MATTINA ALLA SERA ! AVETE CHIUSO . GLI APPELLI LEGALI CHI LI PAGA ? SE PERDETE IL POPOLO VI CHIEDERA’ I DANNI A VOSTRE SPESE !

  2. THE CLASH ha detto:

    Ma chi è stà gente!!! Questi non meritano di rappresentare Avellino, una città in discesa libera in termini di vivibilità!!! Hanno iniziato una battaglia persa già in partenza e mica per il bene di Avellino ma per la paura di perdere le poltrone a cui sono attaccati. Vergognatevi!!!!

  3. Nappo Carmela ha detto:

    Sono daccordo quello che ha detto Antonio: Sibilia e Galasso vogliono solo salvare la provincia solo per fare i proprio interessi personali no per il paese ok ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *