sabato 26 novembre 2022
Flash news:   25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione Buon compleanno ad Angelo Fedele Festa dell’Albero, piantumati cinque ulivi nella villa comunale “Don Giuseppe Diana”. Foto Cimitero, l’Amministrazione punta a realizzare nuovi loculi Nuovo decoro alla tomba funeraria di epoca romana e alla basilica paleocristiana del centro storico. Foto

Europee 2014, tappa in città del candidato Pietro Venezia (Fratelli d’Italia) con il sostegno di La Sala

Pubblicato in data: 6/5/2014 alle ore:10:00 • Categoria: Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Politica

la-sala-venezia2Verso il voto, ha fatto tappa ieri sera in città il dottor Pietro Venezia, candidato alle Elezioni Europee del 25 maggio nella lista di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale per la Circoscrizione Italia Meridionale (Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata e Calabria).
Il medico, oncologo del Policlinico di Bari, ha incontrato amici e simpatizzanti irpini ed atripaldesi. A sostegno della sua candidatura si è schierato apertamente in città il capogruppo consiliare di minoranza di “Piazza Grande”, Raffaele La Sala ( nella foto in  piazza Umberto I).
Un sostegno pieno verso un’amicizia ventennale – commenta il consigliere comunale atripaldese -. Il dottor Venezia prima di essere una persona onesta è una bella persona. Da qui la scelta di sostenerlo alle Europee“.
Venezia, figlio di un infermiere combattente antifascista, ha scelto  come slogan della campagna elettorale: “Se vuoi andare in fretta, va’ da solo. Se vuoi andare lontano, vai insieme”.
Dobbiamo ripartire da certi irrinunciabili principi – afferma il candidato al rinnovo del Parlamento Europeo – e su alcune cose che sono alla base della dignità dell’uomo. Mi  batterò per la rivisitazione della legge sull’aborto, principi non negoziabili,  sulla tutela dell’agroalimentare italiano, sul diritto inalienabile dell’acqua, sulle energie rinnovabili, sulla certezza della pena, sulla riapertura delle case di tolleranza come libertà da schiavitù e affinché il Mediterraneo “Mare Nostrum” diventi un ponte di pace fra l’Europa, l’Asia e l’Africa“.
la-sala-venezia1

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 risposte a “Europee 2014, tappa in città del candidato Pietro Venezia (Fratelli d’Italia) con il sostegno di La Sala”

  1. michele ha detto:

    egregio professore, ma adesso sta facendo attività politica in favore di un suo amico candidato per Fratelli d’Italia?
    Sono certo che (come De Mita) saprà argomentare questa ennesima strampalata uscita, che lo porta dopo aver aderito a Forza Italia con Berlusconi, ulteriormente a destra con quello che è rimasto dei fascisti in Italia.
    Complimenti.
    E non dica che è suo amico e che la politica non c’entra….

  2. atripaldese ha detto:

    prof.a peppo x peppo mi voto o peppo mio.

  3. raffaele la sala ha detto:

    E, invece, ci creda o no, signor Michele, è proprio così. E’ un’amicizia quasi ventennale della quale può trovare traccia non sospetta sul mio sito al tag “venezia paolo” in alcuni post del 2010.
    http://www.raffaelelasala.it/2010/06/08/forza-paolo/
    Oppure cerchi su internet. Si parla di omissione di soccorso, di una gamba tranciata all’inguine, ad un ragazzo, Paolo Venezia, in una domenica pomeriggio di quattro anni fa, a Bari. Sì il dottor Piero Venezia è amico mio, è un professionista apprezzato a livello internazionale, è uno storico della medicina… e la politica non c’entra. Se vuole glielo presento, magari in questo marasma di rampantimummificatiericiclati può darsi che lo voti anche lei. Grazie in ogni caso della sua attenzione.

  4. ESEMPLARE UNICO ha detto:

    grande prof…. ormai la destra è tua!…. portati gli udiccini rimasti e fate un movimento unico di destra per la liberazione dell’italia dalle sinistre…. ih ih ih ih

    DC.PPI.MARGHERITA.PIONATI.FI.FDi…. e piazza GRANDE CON piazza PICCOLA

  5. mario rossi ha detto:

    ancora appriesso a destra e sinistra , ma stati proprio nguaiati tutti, se avete nel vostro pd gente che ha fatto campa elettorale contro questa amministrazione e ve li tenete pure tesserati! riflettete gente riflettete.
    Professò penso che il mio voto lo darò al dottore, anche se penso che ormai in politica “Nun si salva nisciuno, e manghio nun si salva nisciuno”

  6. alfredo ha detto:

    prof,mi consenta una considerazione non si può andare a destra e sinistra passando per il centro giustificando il tutto con il fatto di essere amico personale no caro prof le idee sono idee,anche perchè questo poi non le consente di fare considerazioni politiche su altri.

  7. raffaele la sala ha detto:

    Consento a tutti… ma sia consentito anche a me, signor Alfredo, in questa circostanza nella quale avrei avuto seria difficoltà a votare chicchessia (partiti, simulacri di partiti ed associazioni di vario genere, per non parlare degli uomini dei medesimi…), a sostenere il dottor Piero Venezia, valoroso professionista e carissimo amico personale. Destre, sinistre e centri non incantano più nessuno e se vogliamo parlare di idee… almeno mi permetta di essere d’accordo con Lei. Le idee sono idee… ma qua mi pare che, da qualunque parte ci si giri, non pensa proprio più nessuno. O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.