alpadesa
  
Flash news:   Festeggiamenti Maria Santissima del Carmelo, il messaggio di Don Ranieri alla Città: “c’è bisogno di rinnovamento di stili di vita, abitudini di vita sociale, religiosa e spirituale” Diciott’anni Gian Marco Del Mauro, auguri L’associazione ACIPeA alla ribalta degli appuntamenti estivi Festeggiamenti Maria Santissima del Carmelo, domani messe in piazza Umberto I ad Atripalda con il vescovo Aiello Lavori a singhiozzo nel fiume Sabato, la protesta dell’ex sindaco Andrea De Vinco: «vanno finiti al più presto perché il corso d’acqua rappresenta l’immagine e la storia della città» Furti ad Atripalda, l’ex consigliere Luigi Caputo (Prc) attacca: “Ladri di biciclette e ladri di futuro. Amministrazione assente, evanescente e impalpabile” Us Avellino, Salvatore di Somma e Piero Braglia alla guida del nuovo progetto tecnico Cadono calcinacci ad Alvanite, le accuse dell’ex assessore Ulderico Pacia: “non è stato fatto nulla per il quartiere, i lavori per la sostituzione e riparazione delle grondaie furono appaltati nel 2017 e mai partiti” Dopo i furti alle auto e alle abitazioni arrivano i ladri delle biciclette ad Atripalda Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“

“Gli inganni di Renzi”, nota del Circolo Sel di Atripalda

Pubblicato in data: 22/7/2015 alle ore:09:27 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e Libertà

sinistra-ecologia-e-libertaQuando Renzi parte con le promesse, più le spara grosse più grossa è la fregatura che si sta preparando.

L’ultima promessa è sulla drastica riduzione delle tasse a partire da quelle sulla prima casa .

Ma il giochetto di Renzi ormai è chiaro: far passare per riforme epocali che assecondano gli umori della piazza, norme che in realtà,  favoriscono i poteri forti che lo sostengono.

Proprio sul fisco, materia evidentemente strategica per gli evasori, principali sostenitori di Renzi, c’è un esempio chiaro di questo singolare riformismo.

Il Presidente del Consiglio ha infatti fatto precedere all’emanazione di una raffica di disposizioni che favoriscono senza mezzi termini l’evasione fiscale, dichiarazioni di delegittimazione dell’Agenzia dell’Entrate, dichiarazioni che suonano come una  melodia per le orecchie dei contribuenti inviperiti per il carico fiscale.  

Quindi è partito prima di tutto con la legge delega sulla riforma dell’abuso del diritto. Con la disciplina dell’abuso di diritto il governo garantisce l’immunità agli evasori che sfruttano abilmente le pieghe del diritto. La norma garantisce libertà di manovra a chi ha sempre messo in atto manovre elusive a volte ardite e sofisticate per azzerare o ridurre il carico fiscale e, soprattutto elimina  le conseguenze penali di tali manovre. In sostanza la legge toglie gli strumenti allo stato per contrastare la grande elusione fiscale in nome di una ipotetica certezza di diritto.

Poi è toccato alla triplicazione delle soglie di irrilevanza penale per quasi tutti i reati tributari.

Successivamente si è passati al nuovo ravvedimento operoso, introdotto con la legge di stabilità e che dilata nel tempo, quasi all’infinito la possibilità di mettersi in regola. Una manna dal cielo per i contribuenti meno propensi a rispettare gli obblighi fiscali. Mettendo insieme il nuovo ravvedimento con le nuove soglie sulla punibilità penale dell’evasione, si potranno correre rischi marginali dichiarando il meno possibile.

Infine, l’ultima perla. Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 26/06 un Decreto Legislativo per il riordino delle Agenzie Fiscali. In esso si raccomandano  controlli meno invasivi per facilitare gli adempimenti tributari, contribuire ad accrescere la competitività delle imprese italiane e favorire l’attrattività degli investimenti in Italia. Della serie: i controlli fiscali sono un noioso fastidio per le imprese, evitiamoli! Attireremo così anche più investitori dall’estero.

Ora Renzi se ne esce con la riduzione drastica di tutte le tasse. Scommettiamo su chi favorirà questa riforma? Scommettiamo su chi continuerà comunque a pagare le tasse in Italia? E scommettiamo che il tutto si risolverà in un ulteriore taglio ai servizi sociali di Regioni e Comuni, per intenderci il completo smantellamento della sanità pubblica, dei trasporti ecc.?

Se la sinistra vuole onorare la propria storia che la impegna nella difesa dei più deboli deve abbandonare la politica degli slogan. Renzi è imbattibile su questo campo! Bisogna invece lavorare a tutto campo per contrastare ogni fregatura a danno di coloro che hanno meno mezzi culturali ed economici per difendersi.

Una sinistra preparata può essere una sinistra vincente.

Circolo SEL di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Adozione Tasi in città, l’attacco di Sel: “massima aliquota per gli inquilini, ridotta quella a carico dei proprietari di seconde case”

Lodevole la volontà dei nostri amministratori atripaldesi che hanno deliberato con estrema puntualità le tariffe relative al pagamento della TASI. Read more

Elezioni Europee, l’invito di Sel: “non votate chi imbratta i muri con i manifesti”

L'arroganza dei partiti e dei loro candidati che con i propri manifesti invadono gli spazi elettorali altrui o sconfinano fuori Read more

Sel attacca l’Amministrazione Spagnuolo: “Solo cambi di casacca e nessuna idea sul futuro del nostro paese”

E' dall'inizio di questa legislatura che assistiamo ad un "traffico" di amministratori che cambiano casacca, pur continuando spesso a militare Read more

Giullarte 2012, atto ingiuntivo al Comune. Sel attacca: “a distanza di un anno e mezzo non sono stati liquidati i creditori nonostante 120mila euro regionali”

Apprendiamo, scorrendo gli atti pubblicati sull'albo pretorio, che al comune è stato notificato un atto ingiuntivo mosso dalla ditta che Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a ““Gli inganni di Renzi”, nota del Circolo Sel di Atripalda”

  1. federici ha detto:

    quasi,quasi avete ragione, e la prossima volta voto berlusconi.

  2. ZORRRRO ha detto:

    ALLORKE’ SI TROVAVA DON SILVIO(IL BERLU…) SI PARLAVA DI UNA RIFORMA FISCALE PER ALLEGGERIRE IL CARICO DELL’IMPOSIZIONE DIRETTA(KOME NON KAPITE KE CHI PAGA GIA LE TASSE SUL REDDITO SI POTREBBE TROVARE A PAGARE LE TASSE COME MINIMO DUE VOLTE(OLTRE SUL REDDITO SUL CONSUMO DEL REDDITO GIA TASSATO E ALTRO(NE VALE LA PENA L’AVERE UN REDDITO ALLORCHE IN BUONA SOSTANZA SE NE VA IN TASSE E BALZELLI VARI???)))(VI CHIEDO SKUSA DEL DISTURBO CHE HO ARREKATO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *