alpadesa
  
Flash news:   Cadono calcinacci ad Alvanite, le accuse dell’ex assessore Ulderico Pacia: “non è stato fatto nulla per il quartiere, i lavori per la sostituzione e riparazione delle grondaie furono appaltati nel 2017 e mai partiti” Dopo i furti alle auto e alle abitazioni arrivano i ladri delle biciclette ad Atripalda Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“ Prevenire i furti nelle abitazioni: i consigli dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino US Avellino, ecco il settore giovanile dei lupi Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato “IDEA Atripalda” chiede al Comune di Atripalda la concessione della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio»

Platani sotto cura, chiude via Appia da lunedì. Progetto “Un albero per ogni nato”, parla la delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia

Pubblicato in data: 9/3/2019 alle ore:10:30 • Categoria: Attualità, Comune

Potatura straordinaria e messa in sicurezza dei grandi platani in città e progetto “Un albero per ogni nato”. Da lunedì mattina sarà chiusa al traffico, per tratti, via Appia e poi le altre arterie interessate dall’intervento.
«I progetti in campo, in merito al verde attrezzato sono tanti, ma naturalmente mi preme parlare di quelli che si realizzeranno a breve – illustra la consigliera comunale con delega al Verde pubblico, Anna De Venezia  -.

In considerazione del fatto che nell’ultimo periodo assistiamo ad ondate di maltempo eccezionali con forti raffiche di vento che spesso hanno spezzato anche grossi rami e sradicato alberi, riteniamo sia opportuno intervenire sui platani per metterli in sicurezza. In particolare via Appia e via Mastroberardino (già via Circumvallazione) sono  strade con notevole traffico veicolare e pedonale pertanto anche piccoli  rami spezzati possono causare danni ed inoltre i platani in particolare  sono di grosse dimensioni e molto vicini ai fabbricati.

Lo scorso anno si è effettuata la potatura dei platani ubicati in più aree di Atripalda, ma non si è potuto realizzarla in via Mastroberadino – piazza Papa Giovanni XXIII a causa del cancro colorato che aveva colpito due platani ubicati nella stessa strada ma ricadenti nel comune di Manocalzati. Ad  oggi è assolutamente necessario potare i nostri alberi che hanno raggiunto i balconi con la loro chioma e possono arrecare danni sulla strada  in presenza di qualche temporale o forte vento. Abbattuti gli alberi ammalati, oggi è possibile procedere con il nostro lavoro anche se si dovrà usare molta cautela essendo quella un’area interessata da un focolaio di cancro colorato. I tecnici dell’ufficio Fitosanitario della Regione Campania sovrintenderanno all’intera operazione e lo stesso smaltimento dei rami recisi dovrà essere conferito presso un impianto specializzato, unico in Campania.

Un intervento di spollonatura è previsto sui platani di via Appia che inizierà il giorno 11 marzo e, salvo complicazioni meteorologiche, si concluderà in qualche giorno. La strada sarà chiusa a tratti cercando di arrecare il minor disagio possibile ad attività commerciali e cittadini. Consapevole che tale lavoro crea difficoltà essendo via Appia un’arteria principale della città, sono altrettanto certa di una comprensione da parte di tutti; cercheremo, per quanto possibile, di organizzare il lavoro in  collaborazione con la Polizia municipale in modo da assicurare una buona viabilità, comunicando durante l’avanzamento dello stesso i tratti di strada interessati.

In via Mastroberardino- piazza Papa Giovanni XXIII invece sono programmati per i giorni 24 e 25 marzo.

Vorrei precisare che oltre ad avere maggior sicurezza, alcuni interventi, come tagliare il secco o le germogliature alla base dell’albero e sul tronco (polloni), sono necessari per mantenere in salute i nostri alberi secolari, il nostro polmone verde. Il progetto futuro per gli stessi è verificarne la stabilità e procedere con un intervento fitosanitario ove necessario per garantire la loro longevità; inoltre essendo piante a foglia larga, rivestono grande importanza nella riduzione dell’inquinamento e sul miglioramento della qualità dell’aria che viene purificata da alcuni gas inquinanti proprio dalle foglie.

Nel mese di dicembre sono stati effettuati dei tagli di alberi pericolanti danneggiati dal maltempo e di quelli secchi che comunque compromettevano la sicurezza di persone e cose.

Si sta procedendo in questi giorni alla reintegrazione degli stessi con altri alberi donati dalla Comunità Montana e si sta realizzando un progetto titolato “Un albero per ogni nato”.

Da quest’anno infatti l’Amministrazione comunale ha deciso di dare il benvenuto a tutti i bambini nati nel 2018 con un biglietto che sarà recapitato a casa dei nuovi cittadini dal quale si potrà evincere anche la località ove è stato piantumato un albero dedicato al piccolo. Gli alberi recheranno una targhetta con il nome dei nuovi cittadini e sono stati piantumati lungo le strade cittadine, nella villa comunale e nelle scuole dove si è dovuto necessariamente procedere con l’abbattimento lo scorso anno e gli anni passati.

Nell’attribuzione dell’albero si è considerata la vicinanza, ove si è potuto, della residenza del nascituro.

Mettere a dimora un albero per ogni nato è obbligo di legge (legge n. 113/1992) in città con più di 15000 abitanti, ma nonostante Atripalda ne abbia un numero inferiore, si è fatta comunque tale scelta affinché anche la nostra città possa contribuire all’obiettivo della Repubblica Italiana di “… perseguire, attraverso la valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio boschivo l’attuazione del protocollo di Kyoto e le politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico ed il miglioramento della qualità dell’aria”.

Considerati gli alti tassi di inquinamento che destano non poche preoccupazioni, gli alberi piantumati e dedicati ai piccoli cittadini sono piante ritenute “anti-inquinamento”: bagolaro, tiglio, acero, leccio.

L’amore per le piante non lo si può imporre, ma lo si può infondere con esempio e coinvolgimento: contribuiamo insieme a proteggere e a far crescere questi nuovi alberi insegnando ai nostri piccoli ad averne grande rispetto».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata

Furto al Comune di Atripalda, rubano il portafogli ad una dipendente comunale dell’Ufficio Anagrafe. I Carabinieri della stazione di Atripalda, Read more

Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto

«Come da sopralluogo effettuato e da successivo verbale stamattina sono ripresi i lavori nel fiume Sabato». Dopo cinque mesi di Read more

Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere”

«L’Amministrazione ci ha risposto a tutto e ci mostrato tutti i progetti che stanno partendo. Da settembre dovremmo avere già Read more

Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda

Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei parcometri ad Atripalda. La nuova azienda, a cui Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *