alpadesa
  
Flash news:   La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Il Comune mette in vendita in lotti i box artigianali di via San Lorenzo per un importo totale di 410 mila euro. Foto

CSS/A6, … nemmeno con un fiore! Primo incontro ieri al liceo di Pietradefusi

Pubblicato in data: 9/3/2012 alle ore:10:59 • Categoria: Attualità, SocialeStampa Articolo

manifesti_violenza_page_7Ieri in occasione dell’8 marzo, presso l’Aula Magna del Liceo Classico “D. Pascucci”di Pietradefusi si è tenuta la prima iniziativa prevista nel programma della campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne promossa dal Consorzio dei Servizi Sociali A/6 dal titolo “…nemmeno con un fiore”. Per alcune ore della mattinata i ragazzi del primo e secondo anno, insieme ai propri docenti e ad un team di psicologi esperti del Consorzio A6, si sono confrontati sul tema della violenza contro la donna prendendo in considerazione le diverse forme ed espressioni degli atteggiamenti aggressivi.

Nel corso della mattinata è stato proiettato,inoltre, il cortometraggio, “Amore Nero” ideato e prodotto da Raoul Bova e pubblicato alla fine dello scorso anno. Il lavoro del noto attore italiano è stato promosso e sostenuto dall’Associazione “Doppia Difesa” , nata dalla collaborazione tra l’on. Giulia Buongiorno e Michelle Hunziker. Obiettivo della giornata è stato offrire ai ragazzi informazioni tecniche sulla violenza contro la donna, fornendo elementi utili per riconoscere i segnali di rischio all’interno della relazione affettiva nel rispetto dei propri bisogni e desideri. Durante il dibattito, i ragazzi hanno espresso una ideologia sessista soprattutto nelle sue forme più benevole, ossia in quelle forme che giustificano la superiorità dell’uomo sulla donna e che comportano da parte dell’uomo il dovere di proteggerla e di provvedere al suo benessere. A questa concezione, si è contrapposta quella sostenuta prevalentemente da ragazze che non condividendo una visione rigida dei ruoli tra maschi e femmine, hanno espresso bassi livelli di sessismo. Per quanto riguarda contributi relativi all’esperienza diretta da parte dei giovani, la maggior parte di loro ha dichiarato che solo raramente si verificano episodi violenti nelle loro relazioni sentimentali e che questi episodi incidono negativamente sulla qualità percepita della relazione stessa. Dall’incontro è emersa dunque una attiva e positiva partecipazione degli studenti anche quando si è trattato di esprimersi riguardo ai propri stili di vita emotivi e relazionali. Il percorso avviato dal Consorzio dei Servizi Sociali A6, che già regolarmente collabora e opera in sintonia con gli Istituti scolastici presenti sul territorio proseguirà nelle prossime settimane con altri incontri e appuntamenti.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *