domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

XVIII Trofeo D’Amore: vincono Giordano Mozzi e Stefania Biacca della scuderia Nettuno di Palermo

Pubblicato in data: 13/9/2010 alle ore:08:06 • Categoria: Auto d'epoca, Sport

auto storicheGiordano Mozzi e Stefania Biacca della scuderia Nettuno di Palermo, a bordo di una Lancia Fulvia 1.3 S vincono il XVIII Trofeo Rolando D’Amore, manifestazione di regolarità classica per auto storiche che si è conclusa domenica pomeriggio. L’evento, organizzato dalla Scuderia Green Racing club di Avellino del presidente Eugenio Avitabile, ha riscosso uno straordinario successo di pubblico e partecipazione. Gremita la sala Montevergine dell’Hotel Belsito di Manocalzati, dove si è svolta la cerimonia di chiusura della manifestazione con la premiazione dei vincitori delle sette prove speciali. Presenti numerose autorità civili e politiche, tra cui il Presidente della Provincia di Avellino, Cosimo Sibilia, il sindaco di Avellino Giuseppe auto storiche premiazioneGalasso, il Presidente del Consiglio comunale di Avellino, Antonio Gengaro, il sindaco di Tufo Fabio Grassi, il vicepresidente dell’Aci di Avellino, Vincenzo Iorio e il giornalista Salvatore Biazzo.
«Quest’anno abbiamo avuto un vero e proprio boom di iscrizioni, a testimonianza dell’ottimo lavoro che è stato svolto per questa manifestazione – ha detto Avitabile nel corso della manifestazione conclusiva – sono molto soddisfatto e mi auguro che anche nei prossimi anno si possano ottenere simili risultati». Anche il Presidente della Provincia, Cosimo Sibilia ha sottolineato l’ottima organizzazione dell’evento: «Se una simile manifestazione è diventata maggiorenne è sicuramente merito degli auto storiche premiazioneorganizzatori. Mi auguro che questo appuntamento possa arrivare a 118 anni, perché è uno dei pochi in grado di valorizzare al meglio le bellezze della nostra provincia».
«Mio padre conosceva il compianto D’Amore, era una persona eccezionale e, pertanto, merito alla figlia che lo ha voluto ricordare con questo eccezionale appuntamento», queste le parole del sindaco di Avellino Giuseppe Galasso.
«L’abbinamento vino motori è uno dei più classici in assoluto, ecco perché la città di Tufo ha voluto sponsorizzare questa manifestazione», ha detto il sindaco di Tufo Fabio Grassi.
Quarantaquattro i partecipanti, oltre duecento i chilometri di strada percorsi in Irpinia nella due giorni sportiva che è stata dedicata agli appassionati dell’automobilismo d’epoca, provenienti da tutta Italia.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *