alpadesa
  
Flash news:   Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Il capolista di “Uniti per Atripalda” Luigi Tuccia (Pd): “La città ci ha premiati, è mancato solo l’appoggio del Pd provinciale. Pronti al lavoro di squadra”

Pubblicato in data: 9/5/2012 alle ore:15:42 • Categoria: Politica, Lista "Uniti per Atripalda", Partito DemocraticoStampa Articolo

tucciaLuigi Tuccia capolista di “Uniti per Atripalda” commenta a freddo i risultati incassati alle Amministrative che hanno decretato la vittoria di Paolo Spagnuolo, nuovo sindaco di Atripalda. Un progetto politico costruito attraverso l’intesa di quattro partiti Udc, Pd, Fli e Psi con il fondamentale apporto di diversi esponenti tra cui proprio Tuccia in quota Pd. «Il risultato premia me stesso, chi ha creduto nel Partito Democratico e in un disegno di buongoverno per la città». Due gli eletti tra le fila del Pd, oltre Tuccia anche Valentina Aquino. A chi lo accusa di aver indebolito il partito risponde: «Non è mia la responsabilità se tra i tesserati del Pd c’è chi ha votato per il Pdl. Personalmente con il Pd cittadino ho seguito un percorso lineare e coerente, altri, invece, hanno preferito condannarsi all’isolamento giocando su più tavoli, qualcun’altro come Laurenzano pur di rimanere al potere si è alleato con Sibilia. Noi, invece, abbiamo mantenuto fede ai nostri impegni costruendo un’alleanza basata su un valido programma. Atripalda ci ha dato ragione e in politica avere ragione non è cosa da poco». E sulla perdita di voti registrata dal Pd precisa, «Sono del Pd e credo nel Pd. Il problema è di chi ha pensato di poterlo utilizzare per ambizioni personali. Sono orgoglioso del Partito democratico atripaldese, meno di quello provinciale perché quel che è mancato è stato proprio l’appoggio concreto del gruppo dirigente di via Tagliamento. Non ho mai visto qui Caterina Lengua. Mentre Maurizio Petracca, Pietro Foglia e altri dirigenti Udc sono stati presenti per tutta la campagna elettorale». Presenti, invece, il Senatore Enzo De Luca, il vice segretario del Pd Francesco Todisco e Rosetta D’Amelio consigliere regionale: «O il Senatore non gode di alcun consenso ad Atripalda o è salito ed è sceso da quel palco immaginando che il suo lavoro finisse lì. Ringrazio Francesco Todisco e Rosetta D’Amelio per l’impegno profuso». E riguardo alle sorti del Pd: «Non ho rancori, dipendesse da me opererei subito per riaprire il confronto e ricucire il partito». Tuccia è pronto a governare Atripalda, «Onoreremo la fiducia degli elettori lavorando in squadra, senza tatticismi e posizionamenti. Sulle deleghe ragioneremo insieme. Per quel che mi riguarda sono a disposizione del progetto e pronto ad offrire il mio contributo. Dobbiamo voltare pagina e lo faremo».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

30 risposte a “Il capolista di “Uniti per Atripalda” Luigi Tuccia (Pd): “La città ci ha premiati, è mancato solo l’appoggio del Pd provinciale. Pronti al lavoro di squadra””

  1. PD ha detto:

    LUIGI sei mitico, hai proprio ragione, IL GRUPPO DIRIGENTE DI AVELLINO PARTENDO DAL PIù PICCOLO AL PIù GRANDE TI HA LASCIATO SOLO, non sono stati per niente operativi, mentre Paolo e Antonio hanno potuto contare sui vertici e tu orgogliosamente nelle persone che hanno sempre creduto in te! Anche De Luca è solo apparso, mentre i dirigenti della coalizione hanno operato attivamente. A questo punto tutti i professori delle post elezioni dovrebbero farsi un esame di coscienza, tanto che la dimostrazione pratica si è avuta con Antonacci! Credo che se qualche vecchia volpe del PD avesse dato un dito non una mano altro che 2 posti in giunta. Dove sono andati questi voti? Alcuni a casa ed altri al PDL?! Poichè se non si è protagonisti non sentono l’appartenenza al partito?????????!!!!!!!!!!!!! Allora cari signori non arrecatevi il diritto di poter insegnare a noi gente del popolo cosa sia la politica perchè non ne siete degni!

  2. Messi ha detto:

    Caro Luigi, e tu che ti sei alleato con Fli e Psi??????? Il pd è l’unico partito che ha perso da queste elezioni, anche i voti del pdl sono molti più dei vostri.

  3. ops ha detto:

    ma se avete un quarto dei voti di 5 anni fa…vi hanno abbandonato pure le famiglie……i compagnucci hanno votato prezioso …… bella illusione, smepre più verso il new deal….vai Tuccia… si gruosso…..!!!!!

  4. Pasquale ha detto:

    Media voto PSI = 160
    Media voto Pd = 163
    Siete alla frutta.
    PS Non fate tanto i “capuzzielli” che Spagnuolo vi caccia fore….iati nata vota co Laurenzano.

  5. IL POPOLO ha detto:

    CARO TUCCIA IL VICE SINDACO LO HA ELETTO IL POPOLO ED E’ PREZIOSO

  6. Nappo Carmela ha detto:

    Caro Pasquale vedi che devi andare tu dal dottore Laurenzano tu è tuoi amici. I socialisti sono stati capaci di eleggere 2 consiglieri senza aiuto di onorevoli per la parte socialista ciao

  7. unuomo ONESTA ha detto:

    RIDICOLO. Fatti il puc e lasciaci in pace. Non ti sognare nemmeno di dare lezioni di politica. Anzi sii più coerente e fatti la tessera dell’udc.

  8. Alberto ha detto:

    Al post 5 lei utilizza parole “forti”, anzi arroganti, se ne deduce che lei è una persona pseudo-politica del pd “individualista” (uso un termine “sobrio”), che ha votato pdl; certo la sua coerenza politica è meno che zero.
    le ricordo che la politica dei doppi tavoli è finita, se ne faccia una ragione.

  9. Annibale ha detto:

    X Pasquale,
    ma ti rendi conto che Musto e Pacia valgono praticamente quanto il solo Tuccia? Che si fa la media per candidato per capire quanto è forte un partito? Ma che teorie cerchi di propinare? Tuccia si è battuto come un leone ed ha vinto la sua battaglia contro i provinciali che volevano che sostenesse Laurenzano (!!!). Chi giocava su altri tavoli ha avuto una sonora lezione, il dramma è che non l’ha capita e adesso si permette pure di fare la morale. Ah non c’è mai fine al peggio!

  10. un cittadino ha detto:

    parli tu che sei il protagonista in assoluto pur di non perderti il giro hai ridotto al lumicino il tuo partito facendo un’accozzaglia di lista pure con “l’indipendente” della polverini, città come? abbi almeno l’umiltà di stare zitto e poi scusa cosa c’entra il partito provinciale, gli atripaldesi non hanno votato il pd probabilmente scegliendo qualche altro candiidato magari geppino spagnuolo? certo è che da capolista lo scudetto non l’hai vinto nemmeno il vicesindaco ti farei fare…comunque ora che hai vinto facci sapere il programma perchè fino ad ora avete solo detto vinceremo insieme a prezioso aspettiamo di sapere le sorti di atripalda concentrati su questo e sulle “promesse” fatte

  11. ops ha detto:

    il dato è quello, è certificato, ma non è il caso di attribuire tutte le colpe a Tuccia di questa magra figura, la vera mente “geniale” per portare il primo partito di Atripalda ad evere meno voti di un singolo candidato è del Segretario che è ancora in sella, ma è evidente che chi lo sostiene sta cercando in tutti i modi di difenderlo per non farlo “licenziare” prima del PUC. 11 consiglieri uscenti prima, appena due adesso, e con la testa dei giovani sul piatto, forse l’atto più disgustoso di cui si dovrebbe rendere conto, anzi lo stesso candidato dovrebbe renderne conto, e poi cosa vogliamo dire dei due candidati in quota PD , come recitava la missiva del Segretario, che insieme a stendo arrivano a 60 voti…….vogliamo essere seri? soprattutto tu Annibale……sei uno squallido ipocrita, contro il tuo stesso partito, ma nun ti mitti scuorno? sei esilarante nei tuoi algoritmi mentali che vogliono disegnare una scena politica che non esiste nei fatti….il PD è finito in mano a personaggi incompetenti.

  12. un cittadino ha detto:

    scusate ho dimenticato di ricordare a tuccia che il pd in alcuni comuni (informati) si è presentato insieme al pdl……decidete da che parte stare…

  13. Nunzio ha detto:

    al post 8, lei dice bene accozzaglia, credo che si riferiva alla lista perdente; la quale lei, del pd?, ha votato?.
    abbi almeno l’umiltà di tacere, il programma elettorale è stato sempre nel ns comitato elettorale aperto tutto il giorno, a largo Mercato, poteva tranquillamente prenderne una copia e leggerla.

  14. Andrea ha detto:

    al post 9, ti indirizzo il commento di “Nunzio”, lo condivido in pieno.

  15. gennaro ha detto:

    La cosa che nessuno sottolinea nel PD:
    il sig. La Sala Sabino, si era candidato a Sindaco di Atripalda ed ha messo insieme (faticosamente) la bellezza di 30 voti!!!!!!
    Perchè non la piantate?
    Questo sono i vostri dirigenti, gente che non gode di nessuna considerazione, ma sempre pronti a pontificare, a giudicare, a elargire sentenze!
    Silenzio.
    Ci vuole solo uun dignitoso SILENZIO

  16. giordano ha detto:

    Lasciate stare…..
    la politica è una cosa seria.
    non è per voi.
    Voi avete distrutto il centrosinistra ad Atripalda.
    Tuccia è sotto l’ombrello Demitiano, mi sembra una condizione disonorevole, per chi ambisce a guidare Atripalda ed il centrosinistra.
    Senza dimenticare che il primo della vostra lista è il sig. Prezioso, già MSI, Finiano di ferro e fascista post-moderno.
    State nguaiati. Finitela

  17. Prezioso ha detto:

    Prezioso Vicesindaco!

  18. Annibale ha detto:

    X Ops,
    io non sono ipocrita perché guardo i fatti e se tu fai finta di non vedere gente che ha la tessera del Pd e vota Laurenzano per distruggere una sezione: questo non è un problema mio e nemmeno di Tuccia o di Alvino. Qui abbiamo una classe dirigente atripaldese fuoriuscita dal Pd locale che si tessera ad Avellino e ritiene che le classi dirigenti vengano selezionate da De Simone, Enzo Venezia o chi per essi.
    Perdonami, ma credo che appoggiare il teorema di Tony Troisi secondo cui il Pd aveva prima 11 consiglieri e adesso ne ha 2 sia poco rappresentativo della realtà: la vecchia amministrazione si è insediata grazie ad un accordo politico Ds-Margherita con la prospettiva del Pd e il gruppo si chiamava centrosinistra per Atripalda. Dopo la costituzione del Pd, la sezione Atripaldese si è spaccata proprio sulla questione del gruppo consiliare. Il gruppo del Pd è arrivato massimo a 6 componenti e non è mai stato composto da 11 membri!!! Di questi 6, 2 hanno sostenuto una via diversa da quella espressa dalla Sezione locale ed oggi sono fuori dall’agone politico come tutti gli altri del resto. Dell’amministrazione Laurenzano Tuccia è l’unico sopravvissuto avendo tutti contro, come si fa a dire che il Pd ha perso? Ha vinto la sua idea di Pd che è quella del Segretario Alvino del resto. Ed io ce l’ho con i provinciali perché hanno sempre osteggiato la linea di Tuccia-Alvino: non hanno avuto nemmeno il fegato di espellere Laurenzano e De Vinco dopo che hanno fatto un patto col Pdl sottoscritto da Cosimo Sibilia, si sono riservati di prendere la decisione dopo le elezioni. Questo significa che se Aldo Laurenzano avesse vinto, Maurizio De Vinco era il consigliere comunale del Pd, cioè si è giocato sulla pelle della sezione atripaldese su due tavoli. Allora io dico che questa dirigenza provinciale è da buttare in mare perché non è in grado di prendere decisioni, non media tra le parti, non capisce le ragioni e non legge i processi politici. E’ in grado solo di fare calcoli aritmetici (sbagliati) senza capire dove si va. E allora io posso dire che il Pd è indebolito, ma la sezione di Atripalda, con le sue scelte ha vinto la propria battaglia, dimostrando sul campo che le alternative messe in cantiere da via Tagliamento non erano valide: se la gente ha detto che Aldo Laurenzano doveva tornare a casa significa che la sezione del Pd atripaldese aveva visto molto più lontano di Caterina Lengua e Di Alberta De Simone che sostenevano il contrario.

  19. Cittadino Atripaldese ha detto:

    x il post num 1 ! Prezioso non ha contato su nessuno potere forte anche lo stesso sindaco Spagnuolo indicava altri nomi da preferire……. , quando Antonio prende molti voti Fli è un partito , ma prima di ogni elezione tutti i politicanti di Atripalda in primis quelli del PDL quando parlano di Prezioso dicono: “ma chi quillo e Fli e pekke Fli e no partito…. quello non piglia manco un voto”.
    Ai signori candidati ricordo che la politica è un impegno serio e costante che non dura 2 mesi ogni 5 anni !!!!!!!
    Chi fa la politica con impegno e passione e presenza sul territorio anche quando si è all’opposizione si vede .. non a caso 395 volte Prezioso .

  20. vittorio ha detto:

    Condivido tuccia assessore e Prezioso vice sindaco!!! pero’ mi hanno detto che gli accordi pre-elettorali sono stati diversi….mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm-…….

  21. atripaldese ha detto:

    a quando sembra, il VECCHIO DE MITA nella serata conclusiva della campagna elettorale non è stato capito, oppure non vogliamo capire il suo messaggio, DESTRA ,SINISTRA , CENTRO , la politica è finita, adesso si deve costruire un’altra ERA con giovani è persone capaci di lavorare per RICOSTRUIRE una nuova POLITICA sia ad atripalda che a livello nazionale, quindi TUCCIA, PREZIOSO, SPAGNUOLO GEPPINO ,LANDI, AQUINO, ed altri giovani sono la nostra speranza insieme a PAOLO SPAGNUOLO, la situazione del COMUNE è grave, ma, la mia speranza è penso di tutta la città con un grande impegno i nostri GIOVANOTTI riusciranno a tirarci fuori dal baratro.

  22. unuomo ONESTA ha detto:

    Scusate, ma non sarebbe più giusto premiare i due PSI,PSDI che molto dignitosamente e senza contrattare niente hanno inaspettatamente ottenuto lo stesso risultato del PD? ULDERICO VICESINDACO!

  23. Antonio Prezioso ha detto:

    Prezioso Vicesindaco!!!!!

  24. Ardito ha detto:

    Prezioso potrebbe pretendere dato anche il netto distacco!!

  25. Cittadino Atripaldese ha detto:

    Prezioso essendo il piu votato dovrebbe fare il vicesindaco ma gli accordi presi in pre-elezioni erano : vice Tuccia e assessorato a Prezioso ovviamente con un buon num di voti!
    Beh con 400 voti presi da Prezioso, penso che lasciando la poltrona di vicesindaco a Tuccia, devono lasciargli scegliere per primo l’assesdorato che vuole.

  26. un cittadino ha detto:

    il pd anche a livello nazionale fa la stessa cosa si allea destra a sinistra e a manca solo per avere rappresentanze a seconda delle convenienze al governo vota il pareggio di bilancio e in irpinia fa vincere de mita così si apre le porte alla regione , fate ciò che volete però abbiate la bontà di non dire più che siete un partito di sinistra

  27. CittadinoAtripaldese ha detto:

    Scusatemi vorrei fare una precisazione. E’ vero che Prezioso ha avuto più voti di Tuccia. Ma se sapeste contare vi rendereste conto che Prezioso era l’unico di Fli nella lista Uniti per Atripalda, è normale che molti voti dei simpatizzanti di Fli siano andati a lui. Non hanno senso i commenti negativi nei confronti di Tucci . Vi ricordo che nella giunta di Laurenzano è stato uno dei pochi a battersi e ribellarsi quando non era d’accordo. Credo che molta gente non abbia capito il vero senso delle elezioni comunali. Atripalda sta diventando una città piena di gente con una mentalità più chiusa di mio nonno. Smettiamola di attacarci gli uni con gli altri. Pensiamo invece a collaborare e ad esporre le nostre idee,invece di criticare.

  28. Pack ha detto:

    Tacciati converrà fare lavoro di squadra. Sei rimasto solooooo

  29. ops ha detto:

    Caro tenero sprovveduto Annibale……è bella la filastrocca che hai imparato a memoria, ma in politica contano i numeri, quando si ha la maggioranza interna di un partito, sia quando si contano i voti e quelli del PD si sono volatilizzati….in pratica oggi Tuccia e Alvino non rappresentano più nessuno se non un gruppo ristretto di dirigenti in erba, quelli che prendono 30 voti, che se non fosse per il bacino personale di tuccia ed aquino nemmeno il ricordino vi lasciavano….secondo me tu di politica non è che ne capisci tanto, e chi si beve la tua analisi sta messo ancora peggio. Noto con piacere che da dirigente e giovane democratico tralasci particolari non secondari, tipo la mancata elezione di Antonacci, che apparentemente sembra dipendere da uno sfortunato scarto di voti, mentre chi sa, come tu sai, conosce i motivi di questo sacrificio annunciato…secondo te se il posto era sicuro candidavano proprio Giampaolo….ma fammi il piacere……studia ancora….

  30. filippo ha detto:

    MA vi rendete conto che parlate di gente che fino ad ora ha già avuto modo di amministrare e non ha fatto nulla di rilevante? W Beppe Grillo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *