Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Le riflessioni e i ricordi di Monsignor Barbarito nel suo “Guardando da il Ponte”

Pubblicato in data: 15/9/2010 alle ore:13:09 • Categoria: Cultura, Video intervisteStampa Articolo

don enzo monsignor barbaritoPresentato, ieri, nella sala consiliare del Comune “Guardando da il Ponte“, la raccolta di riflessioni di S.E. Monsignor Luigi Barbarito (nella foto con don Enzo De Stefano). Presenti per l’occasione il sindaco Aldo Laurenzano, don Sergio Melillo, vicario generale della Diocesi di Avellino, don Enzo De Stefano, parroco della Chiesa Madre di Sant’Ippolisto. A moderare l’incontro il direttore responsabile del settimanale cattolico “Il Ponte”, Mario Barbarisi. 
In sala presenti l’ex sindaco Lina Rega, l’ex assessore Maurizio De Vinco, il consigliere di minoranza Lello La Sala, il presidente della Pro Loco Fernando Cucciniello, Carmine Capozzi, il professore Galante Colucci, Biagio Venezia, Tonino Battista, il presidente della Misericordia Vincenzo Aquino e numerosi cittadini.
«E’ un onore per la città di Atripalda avere qui, oggi, Monsignor Luigi Barbarito per la presentazione del suo libro – commenta il sindaco Laurenzano -. Un illustre atripaldese che ha ricoperto negli anni un nobile e importante ruolo in Italia e nel monsignor barbaritomondo». Monsignor Barbarito, infatti, ha iniziato la sua carriera di Nunzio apostolico in Australia, passando poi nella difficile terra d’Africa fino in Inghilterra dove ha concluso la sua carriera diplomatica a servizio del Vaticano. Riflessioni e articoli che toccano diverse esperienze della vita di Monsignor Barbarito dalla sua profonda fede e cristianità e ai conflitti nel mondo. «In questo libro racchiudo gran parte della mia vita – dichiara Monsignor Barbarito – sulla  guerra, in particolare, una crudeltà senza senso. In Iraq e Afghanistan si è fatta una guerra preventiva, ma come si può dichiarare guerra senza nemmeno un motivo?». Un’analisi lucida e diretta che mescola fede, cristianità e conflitti mondiali, quella che Monsignor Luigi Barbarito, attualmente monsignor barbaritomembro della Congregazione per le cause dei santi presso la Santa Sede, ha messo nero su bianco in questo volume.
Barbarito è stato sempre presente nella sua terra d’origine, in passato ha donato, infatti, alla Biblioteca del Monumento Nazionale di Montevergine, i documenti originali relativi agli innumerevoli incarichi ricevuti nel corso della sua lunga carriera ecclesiastica che ha toccato i più lontani angoli del mondo: ad Haiti come Delegato Apostolico per le diocesi delle Antille, nel Dakar in Africa con l’incarico di Nunzio Apostolico con rappresentanza nel Bourkina Faso, Nuova Guinea, Isole di Capo Verde, Mali, Mauritania, Niger, Senegal. Ed ancora, nel 1978 fu nominato da papa Paolo VI Pro-Nunzio Apostolico in Australia, dove trovò una realtà difficile poiché la società e la chiesa cattolica avevano subito profondi mutamenti a seguito della migrazione europea del dopo guerra. Infine, don enzo monsignor barbaritoa Londra nel 1986 per volontà di papa Giovanni Paolo II come suo rappresentante alla Corte di San Giacomo nel Regno Unito, dove egli rimase fino al 19 aprile 1997 quando, per raggiunti limiti di età, presentò le sue dimissioni. Negli anni Monsignor Barbarito ha mantenuto sempre un forte legame con la proprio terra e la città di Atripalda, dove è nato e a cui è sempre più legato.

[flv image=”http://www.atripaldanews.it/video/libro barbarito 20 settembre 2010.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/libro barbarito 20 settembre 2010.flv[/flv]

 

 

 

 

———

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it