alpadesa
  
Flash news:   Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto

Euroform, ko casalingo contro Turi

Pubblicato in data: 19/4/2010 alle ore:10:37 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

euroformEUROFORM ATRIPALDA 1
VILLA MENELAO TURI 3

Progressione set: 25-23 / 22-25 / 16-25/ 22-25

Sconfitta senza appello per l’Euroform nella quart’ultima di campionato. A tre gare dal termine il vantaggio sull’ultima posizione utile ai play off resta di +4. È solo Turi a far festa mentre Atripalda medita su una delle più brutte prestazioni casalinghe.

I parziali rispecchiano fedelmente l’andamento del classifica1match. Vinto il primo set i padroni di casa lasciano la scena. Sbagliano poco i pugliesi che sfruttano con merito i troppi errori della truppa atripaldese apparsa, a tratti, irriconoscibile.

Il ko non intacca l’obiettivo play off ma alimenta una suspance in classifica ed un dispendio ulteriore di energie mentali e fisiche che sarebbe stato preferibile evitare. Il calendario riserva possibilità di riscatto, sabato prossimo, sul campo del fanalino di coda Catania.

La gara
Contro Turi la contesa in avvio è caratterizzata dall’equilibrio (7-8), spezzato solo dalle battute di Marolda e Bassi (16-11). A metà set Atripalda sembra scappare via (21-15) ma le giocate dell’alzatore Parisi rimettono tutto in discussione (23-22). Più lucidi gli attacchi atripaldesi nel finale quando è un errore di Bruno a vanificare gli sforzi degli ospiti, ed è 25-23.

La reazione turese nel secondo parziale è frutto della rabbia per la gara persa sette giorni prima con Brolo nonostante due match point, e la consapevolezza di essere all’ultima chiamata per i play off. Gli ospiti innestano una marcia in più e al riposo sono avanti 13-16; un ace di Roberti inverte la rotta 19-18 finché non sale in cattedra Antonello Galdi, l’ex Avellino, top scorer con 18 punti, trascina i suoi fino al 22 pari. Atripalda invece somma errori su errori e cede il passo 22-25. Ma il peggio deve ancora venire e Turi vince il terzo set senza opposizione.
L’Euroform tiene botta 7-8 poi crolla di colpo, la ricezione va in crisi e anche l’attacco – da sempre il pezzo forte dei locali – lascia a desiderare. Il set termina 16-25 e Turi è avanti 2 a 1.

Il quarto set è ancora un monologo ospite fino al 9-16 con Ripa che affonda i colpi in battuta, Atripalda sospinta dal pubblico accorcia fino al 19-20 poi è come ipnotizzata, in pochi si salvano da un atteggiamento troppo rinunciatario e Turi con parziale di 22-25 si aggiudica il match.
Della lezione occorre far tesoro. Il vantaggio di +4 su Molfetta va conservato attraverso la ricerca di buone prestazioni, i conti si faranno alla fine.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *