alpadesa
  
Flash news:   L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città

Play off, passa Cantù. Mercoledì sfida verità in Brianza

Pubblicato in data: 17/5/2010 alle ore:10:28 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

euroform-cantu-03Euroform Atripalda 1

Libertas Cantù 3

Progressione set (15-25/23-25/30-28/19-25)

L’Euroform perde gara 1 dei quarti di finale play off cedendo il passo, in quattro set, alla Libertas Cantù. Nel ritorno in programma mercoledì sera in brianza, Marolda e compagni saranno costretti a vincere, con qualsiasi risultato, per tenere accesa la speranza di giocarsi il tutto per tutto nel match di spareggio.

euroform-cantu-04Emozionante la gara andata in scena in riva al Sabato. Decisamente migliore l’impatto dei canturini. Pronti, via e gli ospiti vanno avanti 2 a 0 mentre Atripalda soffre la tensione agonistica e stenta nel gioco. Gli atleti di Cominetti dimostrano di aver studiato gli automatismi irpini e affondano i colpi in battuta; Gerosa, il migliore in campo dei suoi smarca gli attaccanti con facilità, Perfetto gestisce con pallonetti ficcanti i pochi palloni imprecisi, faville a centro per Cantù, muro-difesa latitano in casa Atripalda.

L’Euroform sembra spacciata fino a che un sussulto d’orgoglio nel terzo set riesce a scuotere euroform-cantu-05i biancoblu. Roberti e Draghici accorciano le distanze e si approda ai vantaggi, Marolda è superlativo nell’annullare quattro match point ai lombardi. Un ace di Bassi e sulle ali dell’entusiasmo Atripalda, sospinta da un tifo fragoroso, riesce finalmente a riaprire la gara.

Il tie break sembra a portata di mano degli atripaldesi che iniziano il quarto set con un leggero vantaggio firmato Libraro e Draghici (8-5 e 16-14); un paio di sviste arbitrali danno il là alla riscossa ospite, mister Cominetti pesca dalla panchina e si affida nuovamente a Galliani. Il suo collega di reparto, Ippolito, innest la quinta. Sul euroform-cantu-0618-21 il martello ex Olbia trova punti a ripetizione in battuta che scavano il solco. Atripalda, senza più mordente, alza bandiera bianca.

Finisce tra gli applausi per entrambe le formazioni. Mercoledì a Cantù (ore 21.00 – Pala Parini) l’Euroform è attesa da una sfida verità. L’impresa è possibile ma bisognerà trovare in fretta energie fisiche e mentali e al contrario di gara 1, approcciare con altro spirito al match.

 

 

euroform-cantu-01Tabellino

Euroform Atripalda

Draghici 21, Capaldo 1, Zaccaria ne, Cuomo 2, Marolda 17, Libraro 6, Losco ne, Roberti 10, Bassi 9, Calero (L). All: Marolda.

Libertas Cassa Rurale Artigiana Cantù

Boroni 9, Mozzana, Monguzzi 12, Butti ne, Romolo 4, Gelasio ne, Sala, Ruggeri (L), Perfetto 20, Frigo ne, Galliani 5, Gerosa 2, Ippolito 17. All: Cominetti.

euroform-cantu-08euroform-cantu-011

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *